INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3977738
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Giardini e strade (Guanda editore, Parma)

PREVEGGENTI TIMORI NEL DIARIO DI JÜNGER

La lettura di questo pensatore induce a riflettere non solo sulla caducità dei poteri ma anche sulla intrinseca debolezza degli esseri umani.
mercoledì 25 marzo 2009 di Carlo Vallauri

Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Ernst Jünger


Segnala l'articolo ad un amico

La personalità di Ernst Jünger è troppo nota perché possa giungere un suo libro senza che gli studiosi ne siano attratti. Accade ora per Giardini e strade (Guanda editore, Parma) è il suo diario 1939-40 ed il sottotitolo “In marcia verso Parigi” indica il valore di una testimonianza rappresentativa dell’esperienza trascorsa nell’ultimo periodo di pace mentre si preparavano i mesi dell’azione militare in cui egli è travolto verso il Lussemburgo e il Belgio, poi il “trionfo” in Francia.

E lo scrittore sa ben descrivere lo sgomento dei vinti, prigionieri e profughi, ma anche le inquietudini dei vincitori. Nel pieno della catastrofe non sfuggono i segni di cose belle che sfumano mentre dolore e violenza prevalgono. In queste pagine di virtuosismo letterario, ricche di richiami filosofici e psicologici, le vicende personali e familiari si intersecano a scorrerie di guerra, silenzi intensi nello spirito di un tempo dolente, dove lampi e guizzi di sole possono intrecciarsi al sentimento dell’isolamento nella solitudine dei boschi. Tra le citazioni più pertinenti a indicare non solo quella stagione, colpisce quella di Bernanos: le formazioni statali moderne non crescono più secondo regole e misure umane, ma avanzano come una sorta di insetto gigantesco.

Ebbene: sono gli stessi insetti che in quei mesi stanno divorando la Francia occupata che presto avrebbero dato i brividi e gli orrori alla Germania. La lettura di questo pensatore induce a riflettere non solo sulla caducità dei poteri ma anche sulla intrinseca debolezza degli esseri umani. La visione di certi personaggi anticipa forse quegli influssi perversi che egli avvertiva nell’inconscio. I piccoli ingorghi stradali come simboli di un labirinto dal quale diverrà quasi impossibile uscire. C’è un presentimento della tragedia, al di là del sentire individuale.