INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6314
Articoli visitati
4683852
Connessi 14

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
4 luglio 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

GALLERIA PAOLO ANTONACCI

APPROFONDIMENTI 13
venerdì 6 maggio 2022 di La Redazione

Argomenti: Arte, artisti


Segnala l'articolo ad un amico

Cari amici, con l’arrivo della primavera ci piace ritornare a passeggiare a Villa Borghese.

Il giardino del lago a Villa Borghese

Giambattista Bassi Massa Lombarda (Ra), 1784 - Roma, 1852

Olio su tavoletta, 21,5 x 27,5 cm., firmato in basso a sinistra: "G.Bassi"

Pur essendo la Villa proprietà privata dei principi Borghese, essa si apriva di tanto in tanto ai romani e a visitatori importanti.

Nel nostro dipinto, eseguito nei primi decenni del XIX secolo, Bassi pone l’accento sul lato romantico del luogo, che sin dalla sua creazione divenne subito uno dei luoghi più pittoreschi e amati della Villa Borghese e raffigurato in numerose composizioni di artisti di ogni epoca. In primo piano è raffigurata una quinta arborea tratteggiata con i toni caldi tipici della tavolozza dell’artista, mentre oltre lo specchio d’acqua e il tempietto, la veduta sfuma in un cielo appena solcato da nuvole leggere. La scena è animata da due personaggi che allora come ancora oggi, solcano per diletto il lago a bordo di una barca.

JPEG - 27.4 Kb
Particolare della Vergine

G.Bassi, particolare.

Al centro del laghetto artificiale si erge il tempio di Esculapio realizzato dall’architetto romano Antonio Asprucci negli anni tra il 1785 e 1787 nell’ambito dei lavori di ammodernamento della Villa voluti dal principe Marcantonio Borghese. Il tempio, di modeste dimensioni, si ispira con molta libertà ai modelli classici: dal pronao, scandito da quattro colonne scanalate imitanti l’ordine dorico, si accede alla cella, aperta sia sul retro sia sui lati, dominata dalla colossale statua di Esculapio, il dio della medicina, restaurata da Vincenzo Pacetti (1746-1820) attorno al 1785, che realizzò anche gran parte dell’apparato decorativo del tempio. Il tempio è sempre stato particolarmente amato dai principi Borghese, che vi si recavano con frequenza e spesso vi si fecero ritrarre.

JPEG - 22.6 Kb
Esculapio

Artista francese, Tempio di Esculapio al Giardino del Lago, fine XVIII sec., lapis su carta cm 41,5 x 57, Galleria Paolo Antonacci.

Descrizione del dipinto

Sull’isoletta al centro del laghetto artificiale del Giardino del Lago è il tempio di Esculapio realizzato dall’architetto romano Antonio Asprucci negli anni tra il 1785 e 1787 nell’ambito dei lavori di ammodernamento della Villa voluti dal Principe Marcantonio Borghese.

Il tempio, di modeste dimensioni, si ispira con molta libertà ai modelli classici: dal pronao, scandito da quattro colonne scanalate imitanti l’ordine dorico, si accede alla cella, aperta sia sul retro sia sui lati, dominata dalla colossale statua di Esculapio, il dio della medicina, restaurata da Vincenzo Pacetti (1746-1820) attorno al 1785, che realizzò anche gran parte dell’apparato decorativo del tempio.

Il tempio è sempre stato particolarmente amato dai principi Borghese, che vi si recavano con frequenza e spesso vi si fecero ritrarre. A questa predilezione si deve probabilmente la cura costante per il suo stato di conservazione attestata dai numerosi documenti d’archivio relativi ad interventi di restauro e di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Nel nostro dipinto, eseguito nei primi decenni del XIX secolo, Bassi pone l’accento sul lato romantico del luogo,che sin dalla sua creazione divenne subito uno dei luoghi più pittoreschi e amati della Villa Borghese e raffigurato in numerose composizioni di artisti di ogni epoca. In primo piano è raffigurata una quinta arborea tratteggiata con i toni caldi tipici della tavolozza dell’artista, mentre oltre lo specchio d’acqua e il tempietto, la veduta sfuma in uncielo appena solcato da nuvole leggere. La scena è animata da due personaggi che allora come ancora oggi, solcano per diletto il lago a bordo di una barca.

Un dipinto su tela di Gianbattista Bassi con il medesimo soggetto è stato esposto nella mostra: ‘ Villa Borghese. I principi, le arti, la città dal Settecento all’Ottocento’ Roma, Villa Poniatowski, 2003, cat. n.48 scheda a cura di S.Santolini.

Contattaci

Visita il nostro sito web

Copyright © 2021 Paolo Antonacci. Tutti i diritti riservati. Galleria Paolo Antonacci

Il nostro indirizzo di posta è: info@paoloantonacci.com

Vuoi cambiare il modo in cui ricevi queste email? Puoi aggiornare le tue preferenze o cancellarti da questa lista.

Paolo Antonacci Srl Via Alibert, 16/A - 00187 Roma (RM) +39 06.32651679 - +39 335.5631401 info@paoloantonacci.com | www.paoloantonacci.com