INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3975269
Connessi 17

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

I nuovi umanisti (Garzanti, 2005)

Progresso scientifico e valori

Raccoglie le esperienze di numerosi scienziati che hanno approfondito negli ultimi tempi problemi scientifici di grande rilievo
sabato 4 giugno 2005 di Carlo Vallauri

Argomenti: Letteratura e filosofia
Argomenti: Scienza
Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : John Brockman


Segnala l'articolo ad un amico

I nuovi umanisti di John Brockman (Garzanti, 2005) raccoglie le esperienze di numerosi scienziati che hanno approfondito negli ultimi tempi problemi scientifici di grande rilievo, fornendo quindi le chiavi di comprensione non solo delle specifiche discipline trattate dalla biologia all’informatica, dalla cosmologia all’antropologia. Naturalmente il lettore medio può restare interdetto su alcuni aspetti tecnici non sempre comprensibili, ma l’insieme delle ricerche offre un materiale rarissimo ed abbondante per chi voglia penetrare nel delicato rapporto tra scienze esatte e cultura umanistica. Ed è proprio quest’ultima (come si evince dal titolo) la sostanza del ricco volume: siamo giunti ad una sfida epocale, di fronte alla quale le risposte ai mille quesiti che le continue “scoperte” pongono a studiosi e tutti gli esseri umani coscienti sono legate - a nostro avviso - da un’intima coerenza intellettuale. La conformazione della natura, i progressi tecnologici sino a quale misura modificano le nostre conoscenze, il nostro stesso modo di porci di fronte ad essi? Ecco qui trovate una serie di richiami, rappresentazioni, modelli che non possono non agitare mente e coscienze, giacché confermano l’estrema “piccolezza” di ciascuno di noi di fronte a quelli che ormai non sono più “misteri” della scienza. I comportamenti umani si modificano in relazione alle nuove acquisizioni: il nostro senso “umanista” come ne è scosso? Siamo veramente pronti ad accettare le nuove tecnologie e soprattutto le loro conseguenze nella realtà pratica, lavorativa? Differenze bio-geografiche, caratteri di società stratificate, i rischi di “semiscienze”: ecco un campionario sottoposto alla vostra attenzione con dovizia di riferimenti ineccepibili.