INFORMAZIONE
CULTURALE
Gennaio 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6004
Articoli visitati
4631203
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
25 gennaio 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

E’ STATA LA MANO DI DIO

di PAOLO SORRENTINO
venerdì 26 novembre 2021 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: CINEMA, Film


Segnala l'articolo ad un amico

Vincitore del Leone d’Argento.

Presentato in concorso alla 78ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, Ѐ Stata la Mano di Dio, di Paolo Sorrentino ha vinto il Leone d’Argento (Gran premio della Giuria), mentre il giovane Filippo Scotti ha ricevuto il Premio Marcello Mastroianni. Il film, inoltre, è stato selezionato per rappresentare l’Italia agli Oscar 2022, come miglior film internazionale. Il 15 dicembre si potrà vedere anche in streaming su Netflix

Nella Napoli degli anni ‘80 Fabio Schisa (FilippoScotti) è uno dei tre figli di Saverio (Toni Servillo) e Maria (Teresa Saponangelo), coppia della buona borghesia, circondata dal clan di parenti, vicini e amici che condividono gioie e problemi intimi. Fabietto, come lo chiamano tutti, è incerto su quale percorso scegliere dopo la maturità classica. E le donne lo intimidiscono, ma è affascinato dalla sensuale zia Patrizia (Luisa Ranieri), vittima di disturbi psichici.

Intorno al giovane ruotano gli affetti familiari tra scherzi materni, battute paterne, sogni di un fratello che vuole diventare attore, una sorella che occupa sempre il bagno, e tanti particolari personaggi napoletani: un mondo sereno purtroppo destinato a scomparire all’improvviso, creando un vuoto difficile da colmare.

“I miei erano persone “leggere”. Mia madre adorava fare gli scherzi al telefono, che se ci pensi era davvero un passatempo d’epoca che oggi non esiste più. E faceva la giocoliera con le arance- ha raccontato il regista- Mio padre? Aveva davvero l’allergia per il telecomando. Tutti avevano la tv a colori, noi andammo avanti per anni con quella in bianco e nero. Poi cedette. Ma il telecomando, quello non volle mai prenderlo. Daniela era davvero così. Io la ricordo sempre chiusa in bagno. Era tanto più grande di me e per me era bellissima. Proprio perché era sempre davanti allo specchio del bagno. Viveva già fuori casa quando i miei morirono. Ma tornò per occuparsi di me e di mio fratello”.

Paolo Sorrentino riesce a mettere in scena la storia intima e dolorosa della perdita dei genitori, morti asfissiati nel sonno dal monossido di carbonio mentre erano in vacanza a Roccaraso, quando lui non era presente perché seguiva una partita del Napoli.

“I miei andarono a Roccaraso, dove avevamo appena preso casa- racconta il regista- Dovevo andare anch’io, ma papà mi diede il permesso di seguire la squadra in trasferta. Non l’aveva mai fatto. E così io mi salvai. La mano di dio, appunto… L’ultima volta che li vidi, fu quando mi salutarono…Volevo raccontare i miei sentimenti dell’epoca, più che i fatti. Sono tornato indietro per “ricostruire” le mie emozioni. Ho scoperto davvero che stavo sempre fermo. Immobile”

“È stata la mano di Dio a salvarti, è stato lui!”- urla nel film Alfredo (Renato Carpentieri) guardando negli occhi Fabietto. Allusione a un dio terreno, Maradona, considerato dai napoletani un mito simbolo di riscatto oppure a un Dio vero che ci protegge dal cielo?: un mix di sacro e profano che aleggia sempre nel film, così come dolore, commozione e gioia, un’opera essenziale che arriva dritta al cuore senza retorica, un’opera corale in cui noi napoletani ci sentiamo anche un po’ protagonisti, non solo perché coinvolti dalle vicende umane del regista, ma anche per il caleidoscopico contesto di una città che ci appartiene e amiamo.

JPEG - 7.8 Kb
Paolo Sorrentino e Filippo Scotti

Ottime regia e sceneggiatura di Paolo Sorrentino, splendido cast includente oltre ai già citati Toni Servillo, Teresa Saponangelo, Luisa Ranieri, Renato Carpentieri, anche Massimiliano Gallo, Betti Pedrazzi, Ciro Capano, Enzo Decaro, Carmen Pommella, Biagio Manna, Lino Musella, Marlon Joubert, Alfonso Perugini, Sofya Gershevich, Paolo Spezzaferri, Rossella Di Lucca, Antonio Speranza. Notevoli musiche di Lele Marchitelli, fotografia di Daria D’Antonio, montaggio di Cristiano, scenografia di Carmine Guarino

Tra i film di Paolo Sorrentino ricordiamo L’uomo in più, Le conseguenze dell’amore, L’amico di famiglia, Il divo,This Must Be the Place, La grande bellezza, Youth, Loro

Intervista al regista e a T. Servillo: