INFORMAZIONE
CULTURALE
Gennaio 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6004
Articoli visitati
4631177
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
25 gennaio 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LA ROTTAMAZIONE DI UN ITALIANO PERBENE

AL TEATRO QUIRINO
mercoledì 24 novembre 2021 di Patrizia Cantatore

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Dal 23 novembre al 5 dicembre di Patrizia Cantatore

Carlo Buccirosso scrive, dirige e interpreta la tragedia dell’Italiano per bene di oggi, costringendo gli spettatori ad interrogarsi con drammaticità amletica sulla necessità di “Rottamare o non rottamare le cartelle esattoriali?” e affrontando così lo spinoso problema della crisi economica e del rapporto di reciproca sfiducia tra Contribuente e lo Stato assente e predatorio. Alberto Pisapia è un ristoratore sull’orlo del fallimento, che combatte la sua personale battaglia contro cartelle esattoriali di ogni genere e consistenza, soprattutto nel momento in cui la situazione debitoria è riportata dalla suocera, dipendente dell’Agenzia delle Entrate e spina nel fianco dell’uomo che finisce per ammalarsi di un forte esaurimento nervoso. I pensieri ossessivi e l’incapacità di affrontare la drammatica situazione lo porteranno a pensieri di morte contro se stesso o contro quelli che ritiene i fautori della sua rovina: la suocera rappresentante di uno Stato nemico e affamatore; la moglie che gli sta accanto e che lui sospetta di tradimento; il cognato, avvocato, simbolo di una categoria di venduti al migliore offerente.

L’argomento di scottante attualità è affrontato con il sorriso sulle labbra e ilarità, tentando di trasformare il dramma del fallimento e dell’oppressione fiscale in una commedia napoletana grottesca dal retrogusto amaro, che costringe a riflettere sull’assenza dello Stato nelle situazioni drammatiche all’ordine del giorno.

La compagnia è protagonista della denuncia corale e Buccirosso, sia pure quasi sempre al centro della scena, non è mai avido di applausi e l’opera riesce a valorizzare tutti i personaggi, essenziali all’economia della commedia. Ogni battuta chiama l’altra in un ritmo concatenato di voci e di caratteri che tiene il pubblico sveglio e incollato alla poltrona vittima di una mimesi che lo coinvolge e lo costringe ad attendere l’epilogo del riscatto.

L’agile sceneggiatura deve molto alla tradizione della commedia napoletana: l’attore partenopeo piazza astutamente qua e là qualche battuta più “facile”, ma anche moltissime “attuali” con una critica ai “socials” e alle “moderne diavolerie” che complicano anziché agevolare il moderno contribuente. Non manca nemmeno qualche “graffio” come la bonaria presa in giro dei difetti fisici di alcuni personaggi.

Irriverente, paradossale e brillante la commedia richiama anche alla tradizione del teatro nel teatro di pirandelliana memoria, grazie anche alle bellissime scenografie di Gilda Cerullo e Renato Lori, che assecondano i passaggi tra realtà e sogno, tra il rischio di un Gran Guignol e la minaccia di Alberto di “fare causa allo Stato per istigazione al suicidio” la cui prova è tutta nell’aver “legalizzato l’eutanasia per mettersi a posto con la coscienza”. Menzione particolare per Donatella De Felice, di cui il pubblico potrà apprezzare anche le doti canore. Del resto, oltre che attrice di teatro, è performer di musical, ballerina, doppiatrice, cantante, speaker radiofonica.

Scritto e diretto da Carlo Buccirosso Scene Gilda Cerullo e Renato Lori Musiche Paolo Petrella Disegno e luci Francesco Adinolfi

personaggi e interpreti Il contribuente/ Carlo Buccirosso La moglie / Donatella De Felice La figlia / Elvira Zingone Il figlio /Giordano Bassetti La cognata/ Fiorella Zullo Il cognato / Peppe Miale Il sacerdote /Gino Monteleone Il filippino / Matteo Tugnoli Il postino / Davide Marotta La suocera / Tilde de Spirito