INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5486
Articoli visitati
4447338
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
30 novembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EVENTI


TURNER IN MOSTRA A FERRARA

A Palazzo dei Diamanti di Ferrara dal 16 novembre 2008 al 22 febbraio 2009 un’ampia mostra dedicata alle opere dell’artista Joseph Mallord William Turner ( 1775-1851) che venne in Italia in più occasioni
martedì 25 novembre 2008 di Giacomo de Antonellis

Argomenti: Arte, artisti
Argomenti: Mostre, musei, arch.


Segnala l'articolo ad un amico

Turner è tornato in Italia. A Ferrara in mostra al Palazzo dei Diamanti. Mancava dal nostro Paese da oltre un secolo e mezzo.

JPEG - 15.9 Kb
Palazzo dei Diamanti a Ferrara

“Non andare a Venezia per la strada di Ferrara perché è pessima”, gli avevano suggerito in uno dei suoi viaggi. Non ne teneva conto restando affascinato dalla città.

La dimora estense, per iniziativa di Ferrara Arte e della National Gallery of Scotland di Edimburgo, adesso ha riunito quasi cento pezzi “italiani” del pittore inglese. Ne è scaturita una mostra di grande rilievo (poi andrà a Budapest prima di rientrare in Scozia) che consente di riscoprire un artista eccezionale, conquistato dal paesaggio italiano.

JPEG - 32.2 Kb
1- Lago d’Averno. Enea e la Sibilla
olio 1815, 72x97

Joseph Mallord Turner (Londra 1775-1851) ha dedicato all’Italia le sue migliori interpretazioni. Era disceso più volte dalle nostre parti, soffermandosi in Piemonte, in Toscana, a Roma, a Napoli e in Campania, prima di risalire verso la laguna veneta. Ovunque prendeva appunti, faceva schizzi, ritraeva luoghi originali.

JPEG - 25.7 Kb
2- Roma dal Vaticano
olio, 1820, 177x335

Egli conosceva bene altri paesi europei – Gran Bretagna, Paesi Bassi, Francia e Germania – ma soltanto in Italia riusciva a penetrare nel profondo della creatività. Era un viaggiatore intelligente, curioso, fantasioso.

JPEG - 31.3 Kb
3- Roma moderna. Campi Vaccino
olio 1839, 90x122

Dipingeva e sognava. Sortivano in tal modo effetti di colori sfumati tra vette e passi di montagna, ville e cascate, templi antichi e vedute irreali. La Valle d’Aosta, il Vaticano e il Campidoglio, Tivoli, Paestum, il golfo partenopeo, il lago d’Averno, Orvieto, Venezia, accanto a scene bibliche e mitologiche.

JPEG - 30.3 Kb
4- Imbarcazioni a Venezia
acquerello, 1840, 221x382

Venezia, senza dubbio, lasciava in Turner un’impressione specifica. Per la “luce” che scopriva tra calli e canali. Qui egli avvertiva l’esigenza di rinnovare la sua tecnica pittorica (eppure aveva superato i sessanta anni) per lasciarsi trasportare dal lusso, dalla decadenza e dall’indolenza di una gente che pativa ancora l’umiliazione per la scomparsa della Repubblica marinara.

JPEG - 32.6 Kb
5- Orvieto, veduta
olio 1828-30, 91x123

Per sintetizzare il senso del suo stile si può ricorrere alla metafora di una boccata d’aria pura rispetto al dominante inquinamento in materia di rappresentazioni artistiche. Rifacendosi alla lezione di precedenti maestri (Tiziano, Veronese, Poussin, Lorrain, Wilson, Cozens) egli sapeva innovare senza tradire il passato.

JPEG - 25.1 Kb
6- Roma con acquedotto Claudio
acquerello 1819, 229x369

La pittura di Turner, tuttavia, non coincide con quella ricorrente nell’Ottocento italiano e francese: per intenderci ricca di simbolismi, rievocazioni storiche, panorami vivaci e accattivanti. Egli usa il pennello con misurazione di colori, badando certamente all’effetto cromatico della composizione ma evitando toni accesi e fuorvianti.

Per l’artista londinese l’Italia altro non era che una “terra pittura” con paesaggi e loci, tali da esaltare la vita di un popolo intramontabile e da gratificare l’opera di un poeta del colore. È dunque una mostra-lezione quella che Ferrara ha saputo allestire facendo tornare il maestro Turner nella “sua” Italia.

JPEG - 2.4 Kb
Cata della mostra

P.S.

La mostra di Ferrara include un totale di circa 90 opere (olii, acquarelli, incisioni, disegni ed altri documenti) provenienti da musei e collezioni private di diversi paesi.

La mostra è aperta tutti i giorni, feriali e festivi, lunedì incluso, dalle 9.00 alle 19.00. Il Palazzo dei Diamanti è aperto anche nei giorni 8, 25 e 26 dicembre, 1 e 6 gennaio. Per la visita di singoli e gruppi è funzionante a Ferrara anche un centralino ( tel. 0532.244949). In occasione dell’iniziativa il Comune propone agevolazioni in diversi esercizi (ristoranti ecc.) ed infine un consorzio propone pacchetti con hotel ed altri servizi anche per la visita di altri monumenti di Ferrara (la Cattedrale, Palazzo Schifanoia, Castello Estense ecc.).

Per prenotazione e biglietti visitare il sito http://www.b-ticket.com/b-ticket/Ferrara/default.aspx