INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2021



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5836
Articoli visitati
4592590
Connessi 2052

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
19 ottobre 2021   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EVENTI


GUIDO OLDANI CANDIDATO PREMIO NOBEL LETTERATURA 2021


giovedì 15 luglio 2021

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

Guido Oldani, autore del manifesto letterario Il realismo terminale (Mursia, pagg. 54, Euro 5,00) col quale ha dato vita all’omonimo movimento letterario e artistico internazionale è stato proposto per il premio Nobel per la letteratura 2021.

A sottoscrivere la candidatura del poeta, già insignito nel 2019 del premio alla carriera International Poetry Award 1573 come primo autore italiano, insieme all’Editore Fiorenza Mursia, intellettuali di tutto il mondo: gli accademici italianisti Giuseppe Langella, Caterina Verbaro, Daniele Maria Pegorari, Daniela Carmosino; il presidente della fondazione di poesia “Il Fiore” Giuseppina Caramella; l’artista svedese Françoise Ribeyrolles-Marcus; i poeti cinesi Jidi Majia e Gao Xing, il russo Gennadij Šlapunov (presidente della Fondazione per il dialogo eurasiatico tra culture e civiltà), lo statunitense Major Jackson e il sudafricano Zolani Mkiva.

“La mia poetica esprime la natura attraverso i prodotti artificiali e cioè: un gabbiano assomiglia a un aeroplano e non viceversa come avremmo detto nel millennio precedente.”, dichiara il Maestro, “Che cosa penso di questa candidatura? La percepisco come un grande segno di affetto e di stima. Spero che questa vicenda solleciti una maggiore possibilità di conoscenza ed un rimescolamento delle carte da gioco della cultura. Questa è tutto spettacolo ma in definitiva immobile. Penso che questo evento in corso possa fare da elettroshock alla narcosi di troppa poesia italiana e internazionale. In definitiva spero di poter, io e voi, parlare meglio.”

Guido Oldani che con il suo Il realismo terminale fu il primo nel 2010 a parlare di pandemie abitative introduce alla “frattura del terzo millennio”: si va verso l’accatastamento di popoli e oggetti nelle metropoli. La natura è stata messa ai margini, inghiottita o addomesticata. È il trionfo della vita artificiale. Gli oggetti ci avvolgono come una camicia di forza perché diventati indispensabili: senza di loro ci sentiremmo persi, tanto da portarci a farne incetta in maniera compulsiva. Da servi che gli oggetti erano, si sono trasformati nei nostri padroni; la loro invasione ha contribuito a generare dei mutamenti antropologici di portata epocale, alterando pesantemente le modalità di percezione del mondo, in quanto ogni nostra esperienza ormai passa attraverso gli oggetti. Sono cambiati i nostri codici di riferimento, i parametri per la conoscenza del reale. In passato la pietra di paragone era, di norma, la natura, ora, invece, i modelli sono gli oggetti. In questo contesto è la natura che si modella sempre di più sui prodotti, ne deriva un nuovo linguaggio che, attraverso la similitudine rovesciata, descrive la natura rispetto all’oggetto termine di paragone. Come scritto nella lettera di candidatura al Nobel per la letteratura il REALISMO TERMINALE è secondo i sottoscrittori “una tendenza letteraria di portata planetaria, aperta alle più varie forme espressive (arti visive e plastiche, musica, teatro, danza), che ambisce ad essere la rappresentazione critica e ironica della civiltà globalizzata degli anni Duemila, interpretando e descrivendo quegli aspetti del divenire storico-sociale che maggiormente caratterizzano il nostro tempo, tanto da poter essere additati come i suoi esiti più tipici e rappresentativi. Esso nasce, infatti, nella mente di Oldani, dall’osservazione di alcuni fatti macroscopici che si stanno verificando su scala mondiale e delle trasformazioni antropologiche che stanno generando, quasi in contemporanea, un po’ dappertutto, nell’Occidente più avanzato come nei Paesi in via di sviluppo”.

Guido Oldani è nato nel 1947 a Melegnano (Milano). È attualmente una delle voci poetiche internazionali più riconoscibili. Ha pubblicato sulle principali riviste letterarie del secondo Novecento. Inoltre, le raccolte: Stilnostro (CENS 1985), introdotta da Giovanni Raboni, Sapone (2001), edita dalla rivista internazionale «Kamen», La betoniera (LietoColle 2005). È stato curatore dell’«Annuario di Poesia» (Crocetti) ed è presente in alcune antologie, tra cui Il pensiero dominante (Garzanti 2001), Tutto l’amore che c’è (Einaudi 2003) e Almanacco dello specchio (Mondadori 2008). Con Mursia ha inaugurato la Collana Argani, che dirige, pubblicando Il cielo di lardo, nel 2010 ha pubblicato Il Realismo Terminale, nel 2018 La guancia sull’asfalto e nel 2021 Dopo l’Occidente. Lettera al Realismo Terminale.