INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2017



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4075
Articoli visitati
3709558
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
SPETTACOLI E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-17 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
18 novembre 2017   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

SPLENDIDA CHIUSURA DEL 2° MUGELLINI FESTIVAL


mercoledì 1 novembre 2017 di Renzo Caldarelli



Segnala l'articolo ad un amico

Strepitoso successo del Grande Concerto di Chiusura del 2° Mugellini Festival a Potenza Picena nella stupenda sala “Cappella dei Contadini, gremita all’inverosimile da un pubblico, assai attento e competente. Il programma comprendeva il Quartetto con pianoforte in Mi b maggiore opera 47 di Robert Schumann ed il Quintetto con pianoforte in Re maggiore “Alla memoria della mia diletta compagna” di Bruno Mugellini.

L’esibizione è stata preceduta da una gradita presentazione di Paola Ciarlantini e di Paolo Peretti.

JPEG - 23.2 Kb
IL MAESTRO MOGOL

In particolare il Quintetto di Mugellini, dedicato alla morte della prima moglie Rosina Ceppetelli, scomparsa assai prematuramente, secondo Paola Ciarlantini ha “uno stile tendente, come tutti i lavori da camera, alla polifonia orchestrale e fonde influssi post brahmsiani con un rigore intenso, severo ma non accademico, pervaso di una semplicità francescana”. Al riguardo Guglielmo Mici parlò di “composizione classica per eccellenza di forma, chiara, semplice nel concetto espositivo tematico, svolto con smagliante ricchezza di episodi ritmici ed armonici, e pur sempre composta da una sana elevatezza di stile. L’ascolto di questo lavoro ha offerto, al pubblico presente in sala, una rarissima occasione di poter assaporare un vero e proprio capolavoro della musica strumentale italiana dei primi del novecento.

L’accostamento musicale del Quintetto di Mugellini al Quartetto con pianoforte di Schumann è stata un’ottima idea sulla base della musica romantica europea.

MUGELLINI ENSEMBLE

L’esibizione del pianista Lorenzo Di Bella e del quartetto Mugellini Ensemble, composto da elementi provenienti dall’Orchestra Filarmonica Marchigiana, quali: Alessandro Cervo, Simone Grizi, Mario Leotta ed Alessandro Culiani, è stata di ottimo livello, contribuendo al riuscitissimo pomeriggio musicale potentino e ricevendo un prolungato applauso con ovazione finale dal pubblico.

Al mattino MOGOL ha svolto, con successo, un seminario durante il quale ha tenuto una lectio magistralis sulla scrittura dei testi per le canzoni, assai gradito dal pubblico, formato da giovani provenienti da varie parti d’Italia.

Resta una nota di malinconia, che accompagna tutte le cose belle: l’attesa di quasi undici mesi per il 3° Mugellini Festival del 2018.