INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4666
Articoli visitati
3978506
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
15 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

1453 LA CADUTA DI COSTANTINOPOLI AL TEATRO BRUNO MUGELLINI

Rievocazione storica di grande impatto emotivo
lunedì 26 febbraio 2018 di Renzo Caldarelli

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Una magistrale lezione di Storia è stata tenuta al Teatro Bruno Mugellini di Potenza Picena sulla caduta di Costantinopoli, con una splendida narrazione, tra storia e spettacolo, per la regia di Stefano Cosimi, che ha interpretato splendidamente anche la parte del narratore.

“All’una e trenta del 29 maggio 1453 scatta l’assalto finale alle mura di Costantinopoli. Quella che è stata la capitale dell’Impero Romano d’Oriente, la continuatrice di una storia ultramillenaria che ha le radici nella Roma fondata da Romolo il 21 aprile del 753 a.c., regna ormai su un territorio minuscolo, circondata dalla potenza crescente dei Turchi ottomani.

Nonostante le mura possenti della città abbiano retto ad innumerevoli assedi, ora l’imperatore Costantino XI è consapevole che la sua difesa, affidata ad un pugno di Greci e Latini, tra cui spiccano Genovesi e Veneziani, è disperata.

Il suo giovane avversario, il Sultano Maometto II, dispone di una grande flotta, di un esercito numeroso ed agguerrito e soprattutto di una imponente artiglieria. Ma sa pure che la sua preda, che vuole diventi la nuova prestigiosa capitale dell’Impero, è l’ultimo ostacolo ai suoi piani di conquista dell’Europa.

Dopo un intenso fuoco degli obici, tre ondate successive di soldati - prima i volontari bashi buzuk, poi i regolari anatolici ed infine i temibili giannizzeri - si rovesciano contro le diroccate mura della città.

L’anima della difesa, il genovese Giovanni Giustiniani, viene ferito gravemente ed è costretto ad abbandonare la battaglia. Ora lo stesso imperatore si getta eroicamente contro la marea che dilaga oltre le mura …”

Per tutta la durata, novanta minuti, lo spettacolo è riuscito a catturare l’attenzione del numeroso pubblico, ricorrendo ad una narrazione interessante ed avvincente, ad inserti cinematografici della vicenda sapientemente inseriti, ad esibizioni di giovani danzatori, di personaggi storici, di una seconda narratrice, di interventi fuori campo e di appropriate musiche di scena, che hanno contribuito a rendere la narrazione assai fluida, piacevole ed interessante, con grande soddisfazione del pubblico che ha manifestato il proprio consenso con intrattenibili applausi a scena aperta ed un’ovazione finale all’indirizzo di tutti i protagonisti.

JPEG - 24.3 Kb
Il regista e narratore STEFANO COSIMI

A chiusura si è svolto un interessante dibattito tra il pubblico ed il regista Stefano Cosimi.

In definitiva si è assistito ad un’importante vicenda storica, che potrebbe e dovrebbe essere tenuta in considerazione dai programmi scolastici delle scuole superiori, sotto la forma di lezione spettacolo offerta dalla “Associazione Culturale Mediterraneo Spettacolo” al Teatro Bruno Mugellini.

Un meritato e doveroso plauso a tutti i personaggi ed interpreti: Stefano Cosimi - Regista e Narratore, Michela Morgoni - Narratrice, Giuseppe Cecere - Costantino XI, Mattia Bartolini - Maometto II, Paola Cosimi - Voce fuori campo, Rosaria Di Chiara - Danzatrice, Francesco Caldarelli Manuela Bartolacci Giulia Hibi Chiara Marsiglia Maria Sophia Caponi - Danzatori, Cecilia Franceschetti - Coreografia (A passo di danza), Michela Morgoni e Paolo Pettinari - Multimedia, Stefano Zagaglia - Tecnico audio e luci, Maria Vallorani - Direttore di Palcoscenico.

foto: lascansione.net