INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5450
Articoli visitati
4432884
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
26 ottobre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

HAIKU 400 Poesie


giovedì 13 dicembre 2007 di Francesco Canfora

Argomenti: Arte, artisti
Argomenti: Letteratura e filosofia


Segnala l'articolo ad un amico

La Redazione ha il piacere di presentare lo scrittore e poeta Canfora ed alcuni suoi haiku pubblicati nel 2007 presso l’editore "Pagine srl" con il titolo di questo articolo. Per trovare il libro rivolgersi all’editore.

La poesia haiku si è affermata in Giappone nel diciassettesimo secolo, soprattutto per opera del poeta Basho (vissuto tra il 1644 e il 1694), e consiste in componimenti formati da tre brevi versi rispettivamente di 5, 7 e 5 sillabe; essa deriva da precedenti forme poetiche più lunghe (il tanka e il renga) composte da versi di cinque e sette sillabe.

Nella sinteticità di queste composizioni, formate di poche parole, il poeta, nel modello più classico, generalmente descrive la contemplazione della natura, colta anche nei suoi più piccoli aspetti, ed esprime in maniera impersonale i suoi sentimenti di emozione, di armonia e sintonia con la natura stessa; egli cerca di vestire di parole le immagini, senza romperne la sensazione. Da ciò discende che le poesie haiku devono essere lette molto lentamente in modo che il lettore possa immedesimarsi nelle stesse sensazioni, a volte ineffabili, che il poeta prova, facendo quasi venire meno la diversità delle due posizioni di chi scrive e di chi legge.

Nelle quattrocento poesie haiku qui raccolte ho cercato, per quanto possibile, di rimanere fedele alla tradizione giapponese, però non sempre sono riuscito a contemplare la natura con lo sguardo distaccato e sereno, ma con quello di un uomo immerso nella tumultuosa vita del ventunesimo secolo, al quale a volte la natura appare come portatrice di sentimenti di tristezza e di dolore, che vivono però solo negli occhi di chi la osserva.

I primi 10 HAIKU