INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2014



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 1438
Brevi on-line  1051
Articoli visitati
4822183

Connessi 88

BUONA PASQUA

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
CINEMA
SPETTACOLO E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-13 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
1 aprile 2014   e  
24 aprile 2014



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Leggere per lavorare bene (Marsilio, 2007)

Leggere per lavorare bene

Intelligente ricerca attraverso romanzi di due secoli e mezzo di Francesco Varanini
sabato 28 aprile 2007 di Carlo Vallauri

Argomenti: Letteratura e filosofia
Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Francesco Varanini

Segnala l'articolo ad un amico

Intelligente ricerca attraverso romanzi di due secoli e mezzo, brani di grandi romanzi nei quali emergono pagine significative su problemi dell’autorità e del potere, della creatività e della giustizia sociale, dell’azione imprenditoriale e di altre forme di lavoro, sino al lavoro inteso “come approssimazione alla felicità”.

Ed è veramente godibile - oltre che istruttivo - leggere o ripercorrere per chi già conosce quei testi, parole di Goethe o di Manzoni, di Poe e Borges, dei più divertenti Gogol e Collodi, momenti simbolici della vita quotidiana. Dalla ricerca dell’armonia alla tragicità di Dostoiewski, dai paradossi di Pinera (Il filantropo) allo sport visto da Testori, dal gioco di Pirandello alle drammatiche pagine di Kafka e Solzenicyn passano davanti ai vostri occhi esperienze amorose, e deludenti, esaltazioni e racconti che colpiscono per i loro straordinari segni di aderenze alla realtà.

Ed anzi un elemento viene avanti con forza: non c’è differenza tra fantasia immaginata e richiamo romantico a dati concreti, perché è sempre l’originalità creativa il vero motore della letteratura nella rappresentazione della vita. Forse questo bel libro può servire anche a sopportare, con maggiore pazienza, il peso, le noie, le sofferenze della fatica lavorativa, manuale, intellettuale. L’autore conferma nelle sue osservazioni, doti di penetrazione umane e psicologiche, degne di una insigne antropologo quale è.