INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5419
Articoli visitati
4422470
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
20 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Ripubblicazione dell’articolo

Il jabal Madhbah è il monte di Dio ?

Un viaggio nella storia. A Petra e al Monte Nebo in Giordania
domenica 1 maggio 2005 di Luciano De Vita

Argomenti: Luoghi, viaggi
Argomenti: Storia


Segnala l'articolo ad un amico

Questa gente è governata da un suo re. ma sono tutti uguali davanti a lui, che viene da loro chiamato «fratello». Sono coltissimi e tra loro vi sono molti filosofi. Le donne sono trattate da pari [...] Anche se fanno buona accoglienza ai forestieri, non permettono ai figli e alle figlie di sposarsi al di fuori della loro casta. convinti che il loro sangue appartenga al dio che venerano [...] Non tengono schiavi e sono inclini a tenere in comune quanto posseggono [...] E per loro proibito consumare il sangue degli animali e devono prima preparare la carcassa con un dissanguamento rituale [...]

II loro dio è Dhu-esh-Shera, ma del suo aspetto nulla si trova [...1 Occasionalmente innalzano un pilastro o un blocco di pietra ungendolo con olio consacrato [...] Diodoro Siculo, visita alla città di Petra (I sec.a.C.)

Consumano i pasti in comune in gruppi di tredici persone [...] il re è così democratico che, oltre a servirsi personalmente, serve a turno lui stesso anche gli altri. Spesso rende conto della sua attività di governo nell’assemblea popolare: e a volte il suo stile di vita viene esaminato [...] Atenodoro, soggiorno nella città di Petra ( I secolo a.C.)

Queste citazioni trovate recentemente in un libro mi hanno spinto a percorrere un itinerario di ricerca nel passato e ad un bellissimo viaggio di esplorazione nel presente nei luoghi in cui vivevano queste tribù: Petra. Questa famosa città, che è stata ritrovata solo nel 1821 dall’esploratore svizzero J.L.Burckhardt dopo un oblio di oltre sei secoli, è così famosa e nota che non intendo soffermarmici troppo, mentre voglio raccontarvi una serie di fatti curiosi che ho scoperto in questa mia ricerca. La mia principale guida di questa esplorazione è stato il libro di Graham Phillips da cui ho preso le citazioni [*] che fa delle ipotesi e interpretazioni molto suggestive sulle origini dell’ebraismo.

Nella Bibbia Dio viene molto spesso associato ai monti Sinai, Oreb, Or, Seir, anzi sembra il monte di Dio sia la sua santa abitazione Betel. La allocazione geografica di questi posti è quanto mai problematica, ad esempio Betel è indicato nella Bibbia in almeno una decina di luoghi diversi. La denominazione dell’attuale monte Sinai, e relativa fondazione del Monastero di Santa Caterina, è stata fatta dall’imperatore bizantino Giustiniano I nel VI sec. d.C. sulla base di una sua visione, a cui non fa riscontro nessuna prova oggettiva archeologica o documentaria. Molti tentativi recenti da parte di eminenti scienziati di individuarne la vera ubicazione non sembrano convincenti. Quindi il problema della localizzazione è ancora aperto.

Vediamo un po’ di vocaboli critici: Or vuol dire semplicemente montagna in ebraico, Seir è il nome ebraico dei monti Shera che si trovano a sud-est del Mar Morto; Bet-el significa la casa di Dio in ebraico; El è il vocabolo per dire Dio in ebraico, equivalente alla radice araba al-elah (إلاه أل- da cui آلله Allah), Elyon è Dio Altissimo (che “abita nei luoghi alti” secondo D. Benedek 1982), Elohim è il tuo Dio, El Shaddai è Dio Onnipotente. Ma in genere ci si rivolge a Dio con l’appellativo Signore la cui radice ebraica è YHVH pronunciata Yahwéh o in greco Jehovah, ma anche Baal vuol dire Signore in ebraico.

Per raccapezzarmi in queste storie ho dovuto crearmi uno schema cronologico che risale fino al 2000 a.C. , per allocare i fatti, i riferimenti biblici, le notizie delle recenti scoperte archeologiche e scientifiche nel giusto tempo e luogo. Per questo ho preparato e riportato in appendice questa mia sintetica cronologia per coloro che ne avessero bisogno.

GIF - 5.2 Kb
La terra di Edom

Petra si trova nella regione chiamata Idumenea dai greci di Alessandro, ossia “terra degli Edomiti”, popolazione e regno citato molte volte nella Bibbia. Sotto la spinta dell’invasione babilonese su Mari, dove erano stanziate nel XIX sec. a.C. , le popolazione semitiche note come “hyksos” di cui facevano parte le tribù ebree, invasero la terra di Canaan, dove è ambientata la divisione delle tribù dei nipoti di Abramo. La Bibbia precisa (Genesi 36) che Esaù detto “Edom” (il Rosso o il Peloso), figlio di Isacco, a cui il fratello Giacobbe, come noto, rubò la primogenitura, è il capostipite degli edomiti. Dopo la riconciliazione dei due fratelli, Edom si stabilì nelle terre a sud del Mar Morto, sui monti di Shera in una zona che per la maggior parte era chiamata nella Bibbia Sinai, mentre la tribù di Giacobbe si stanziò nelle terre del nord di Canaan, nella regione della Samaria a Sichem. Questo doveva essere avvenuto nella seconda metà del XVIII sec. a.C.

Ricerche negli anni ’90 sul DNA di resti umani risalenti a circa il 1700 a.C. provenienti da Sichem e dai monti Shera, hanno documentato che le popolazioni erano strettamente imparentate, e quindi viene confermata, in un certo senso, il racconto biblico, ma questo significa anche che le due popolazioni avevano la stessa base culturale e religiosa, quindi avevano gli stessi dei di Abramo, da cui discendevano strettamente. Si può osservare che anche Ismaele, da cui gli arabi vantano la discendenza, era figlio di Abramo e fratellastro di Isacco e quindi strettamente imparentato con i discendenti di Giacobbe e di Esaù, il quale anzi ne ha sposato la figlia Macalat.

Scavi archeologici negli anni ’80 nel santuario presso Sichem, sui monti della Samaria, hanno d’altra parte documentato tre livelli distinti: un periodo hyksos 1800-1500 a.C. , un periodo cananeo fino a circa il 1300 e quindi un periodo israelita fino a tutto l’VII secolo a.C. Quest’ultimo non testimonia culti pagani (è stato trovato solo un piccolo toro di bronzo), mentre il livello intermedio cananeo era marcatamente pagano per la presenza di molte effigi e varie divinità. Ma anche il periodo hyksos dell’epoca di Giacobbe non ha, contrariamente alle attese, mostrato segni di monoteismo, ma sono rappresentati molti dei, anche se diversi da quelli del periodo posteriore. Tra questi dei quattro divinità dei punti cardinali che sono curiosamente rappresentate da un toro, un leone, un’aquila, un uomo. Il profeta Ezechiele (1,10), che ha predicato durante la cattività babilonese, ebbe una visione di quattro messaggeri alati del Signore che avevano questo aspetto e queste stesse sono i simboli dei quattro evangelisti. Quindi sembrerebbe che all’epoca di Giacobbe il monoteismo non fosse molto diffuso nella zona. Invece dopo la caduta di Gerico (circa 1320 a.C.) e l’insediamento nella terra promessa il monoteismo è attestato dalle risultanze archeologiche.

JPEG - 5.1 Kb
la Croce ed il serpente di Mosé

Come riportato nella Bibbia c’era stato un patto di Dio con Abramo, poi una rivelazione a Giacobbe in un luogo da lui chiamato Betel con il conferimento del nome Israele, ma sua moglie Rachele rubò gli idoli al padre. Il monoteismo sembra essere stato introdotto nella popolazione ebrea solo con la rivelazione a Mosè durante l’esodo nel deserto sul monte di Dio.

Chi fosse storicamente questo Mosé non ci sono elementi storici. Varie le ipotesi tra le quali i Mosé potrebbero essere stati due, entrambi egiziani, in tempi diversi. Il primo ad aver avuto la rivelazione da Dio quando in esilio pascolava le greggi del suocero. Il secondo quello dell’esodo che fece uscire gli schiavi ebrei dall’Egitto. Possiamo ricordare che a Mosè, dopo che aveva conferito con il Signore sulla montagna, sulla sua testa comparve karnaeem (termine ebraico interpretato come corna ovvero luce) (il Mosé di Michelangelo !). Inoltre egli con suo fratello Aronne era dotato di un bastone magico che si tramutava in serpente, che ha costruito l’Arca dell’Alleanza (sorta di bauletto laminato d’oro con due cherubini alati che si affacciano), che ha fatto sgorgare l’acqua dalla roccia ai piedi della montagna sacra.

Ma dove era questo monte ? Di chi poteva essere il Mosé storico ci occuperemo eventualmente un’altra volta, ma per cercare di ipotizzare dove poteva essere localizzato il monte di Dio seguiamo ancora il Mosé biblico, nel quale mi sono imbattuto più volte in Giordania. Mosè, al quale era stato vietato di entrare nella terra promessa, poté dare una occhiata a questa terra dal monte Nebo, un posto veramente incredibile, con un panorama mozzafiato a sud fino al mar Morto e ad ovest verso la valle del Giordano da cui si vede la famosa Gerico e nelle giornate limpide anche Gerusalemme e Bethlemme. È qui sulla cima Siyagha (monastero in aramaico) che sorge il memoriale cristiano a Mosè, ricostruito sulle rovine di quello antico citato nel 393 d.C. da una monaca pellegrina di nome Etheria. Sono bellissimi gli antichi mosaici bizantini esposti all’interno della chiesa.

JPEG - 20.7 Kb
Panorama da Monte Nebo

Durante il Giubileo del 2000 questo luogo è stato visitato anche dal Papa Giovanni Paolo II. Il simbolo attuale del Monte Nebo è una croce di ferro con un serpente avvolto su di essa.

LE IMMAGINI DEL MONTE NEBO

Il monte Nebo (775 m.s.l. e circa 1200 m. sul mar Morto) si trova a 9 km. dalla città di Madaba ed a circa 160 km. in linea d’aria a nord di Petra sulla stessa linea di montagne che si trovano a est della spaccatura tettonica che dalla valle del Giordano va a sud verso il mar Morto e con Wadi Arabah raggiunge lo stretto di Aqaba sul mar Rosso. Siamo però qui nella terra di Moab, altra popolazione antica dei tempi biblici, che ha avuto varie battaglie con il regno di Israele, come ricorda anche la Stele del re moabita Mesha (datata 850 a.C.) importante sia come riferimento di datazione che come uno dei primi documenti scritti in ebraico. Naturalmente non lontano da M.Nebo c’è una sorgente ‘Ain Musa “fonte di Mosé” che scorre nel vicino Wadi Musa, ma non è l’unica sorgente e valle (wadi) con il nome di Mosè in Giordania. Ma per cercare di ritrovare la nostra montagna sacra, occorre avere presenti altre considerazioni.

Io non avevo prima d’ora fatto mente locale sulle cause che hanno generato la spaccatura del regno di Salomone alla sua morte, nel regno di Giuda e nel nuovo regno di Israele e che ha portato aspri combattimenti fra i due per oltre 300 anni fino alla scomparsa di uno dei contendenti.

Da una lettura più attenta della Bibbia si può capire che si dovevano essere formate due diverse confessioni religiose, sempre relativamente allo stesso Dio, quella delle tribù di Giuda e Levi che evidentemente si era evoluta nei culti ad una forma forse meno iconoclasta, mentre le altre dieci tribù seguivano forme di culto più antiche con l’appoggio di simboli che facevano parte della loro eredità culturale e usando l’appellativo Baal (Signore) per riferirsi a Dio. Geroboamo scelto come primo re di Israele dal profeta Achia quando si insediò sul trono fece costruire due vitelli d’oro uno per il nuovo luogo di culto Dan (presso Samaria) l’altro per il già citato Betel, sulla montagna (1 Samuele 13,2) dove Dio risiede. D’altra parte Salomone quando costruì il tempio a Gerusalemme, era una nuova Betel. Questa Betel si trovava nel regno di Israele e quindi era particolarmente odiata dal regno di Giuda e viceversa il tempio di Gerusalemme da parte degli Israeliti. Le divergenze politiche e religiose tra i due regni ebrei sono diventate sempre più aspre, con pesantissime accuse di apostasia e idolatria da parte dei profeti di Giuda verso gli Israeliti, accusati di innalzare templi a Baal. La stessa Betel, dopo che il regno di Israele aveva cessato di esistere a seguito dell’invasione assira, è stato infine distrutto da Giosia di Giuda che saccheggiò anche la capitale degli edomiti Teman intorno al 620 a.C. Infatti Edom era parte del regno di Salomone e quindi parte di Israele con cui condivideva la confessione religiosa. Invettive e maledizioni contro israeliti ed edomiti nella bibbia non si contano, e ci si può domandare perché esse siano soprattutto in questo verso.

Il motivo è che la Bibbia, come ormai concordano gli studiosi, è stata messa insieme, raccogliendo scritti precedenti e racconti tramandati oralmente, durante e dopo la cattività babilonese ad opera dei giudei che a quel punto non avevano altri “nemici” interni. Anzi sembra che, come è capitato sempre da parte dei “vincitori”, i testi siano stati censurati, aggiunti, intercalati secondo la loro visione, quando questa viene contraddetta. Ma ovviamente sono rimaste tracce, addirittura ci sono citazioni riferite ad un “esercito di dio” che va ad aiutare Giosuè per la conquista di Gerico, al cui comandante lo stesso Giosuè si prostra come fosse anche una autorità religiosa, che rimane inspiegato. Davide cita un “libro del giusto” come ad una raccolta di verità molto sagge. Altri legami e citazioni nella Bibbia sono aperti, pertanto sembra che manchi un libro. Oltre alle accuse verso gli edomiti nel Vecchio Testamento sembra che ci siano anche evidenze che essi godessero di uno stato di grande rispetto nella società ebraica e potrebbero essere stato loro “l’esercito di dio”. Ma la novità è che recentemente nel 1995 il professore Michael Martin dalla Philadelphia University ha pubblicato la certificazione di un antico testo ebraico del tempo dell’occupazione babilonese, il cui rotolo è stato scoperto in tempi recenti, come il quattordicesimo libro dell’antico testamento, il Libro di Jasher o “libro del giusto”. Questo libro getta una nuova luce su molti aspetti e ribalta e chiarisce molti punti oscuri, non solo sugli edomiti. Questi sarebbero stati i sacerdoti della casa di Dio sul Seir (Shera) e Jasher il sommo sacerdote e diretto successore di Mosé, quando Giosué era il capo dell’esercito, il primo e maggiore dei Giudici, padre di Debora, unica donna citata come Giudice di Israele.

Se questo è vero allora diventa comprensibile che nel momento in cui la “vincente” tribù di Giuda che aveva posto la “casa di Dio” nel tempio di Gerusalemme, il Libro di Jasher doveva essere omesso dalla Bibbia ebraica.

JPEG - 16.8 Kb
Le montagne che racchiudono Petra

Ritornando al nostro interrogativo del titolo, il sacro luogo di Betel, doveva essere un alto luogo, antico tempio sulla montagna di Dio, in Seir (ossia nei monti Shera), officiato dagli edomiti.

La valle di Edom, attualmente chiamata Wadi Musa (valle di Mosé dove sono le rovine di Petra) è un’oasi fertile inserita in una sorta di anello montuoso formato da rocce di molti colori, il cui unico accesso è uno stretto corridoio tra alte pareti, il Siq, lungo circa 1 kilometro. All’ingresso del Siq c’è una sorgente chiamata “Ain Musa” (la seconda, forse la vera? ) considerata sacra dai beduini ed attestata fin dall’antichità come la sorgente fatta scaturire da Mosé, come riporta il cronista egiziano Numari circa nel 1300 d.C. In Esodo 17,6 si cita “la fonte presso la roccia di Oreb”.

LE IMMAGINI DEL JABAL MADHBAH

Il Siq è stato creato da sommovimenti geologici ed è largo da 5 a 2 metri. Al suo sbocco si apre una spettacolare facciata scavata dai Nabatei nelle rocce policrome, alta 40 metri, il così detto tesoro del Faraone.

Quindi dopo una gola più ampia (il Siq esterno) si apre la valle con la città di Petra, un tempo Teman, capitale degli edomiti e distrutta da Giosia, come documentato dagli scavi archeologici. Questo Siq esterno si apre tra due montagne il Jebel Mahbah ad ovest ed il Jebel Khubtha a est.

Per salire verso la cima del Jebel Mahbah c’è un sentiero, che parte a lato del teatro romano con gradini scavati nella roccia e si inerpica in una stretta gola, dove abbastanza faticosamente in una mezz’ora si arriva in cima. (foto sentiero nella gola) Dopo una svolta a destra ed un’altra rampa si arriva ad un’ampia conca alla cui sinistra si stagliano una coppia di sorta di obelischi, ricavati dalla roccia multicolore. Una ulteriore rampa porta ad una cresta su un pianoro roccioso, “il luogo alto”. Qui è scavato nella roccia un ampio cortile (14m. per 6m.) profondo circa 40 centimetri orientato nord-sud. A metà del lato lungo ad ovest ci sono rialzati due corta di cubi, uno potrebbe essere la tavola delle offerte o dei pani, l’altro più alto è sicuramente un altare con scanalature circolari per raccogliere il sangue dei sacrifici. L’altare presenta due aggetti da cui sembra sporgessero due appendici di pietra a forma di corna (sembra ritrovate nei pressi da una missione archeologica). Amos che predicava contro Israele (circa 750 a.C.) al tempo di Geroboamo II riporta (4,14) ... “punirò gli altari di Betel; i corni dell’altare saranno spezzati e cadranno al suolo”. Poco più avanti si ha una superba vista sulla valle e sulle Tombe Reali di Petra. Su una cima poco più in là a nord-ovest (Jabal Haroun) si scorge il mausoleo musulmano dedicato ad Aronne, il quale secondo Numeri (20,26) morì presso (“bayal”) la sacra montagna Or. (foto santuario Haroun)

Ci sono a questo punto molti indizi che Jabal Madhbah (monte del Sacrificio), alto 1350 m.s.l.m. presso Petra, fosse il vero sacro monte Sinai, l’Oreb, la casa di Dio Betel, ma se, come da piu parte si sostiene, il libro di Jasher è autentico allora le probabilità che l’equazione del titolo sia vera sono molto alte.

Ma infine chi erano le popolazioni citate nel prologo? Probabilmente si tratta di tribù edomite sopravvissute in relativo isolamento e che conservavano ancora nel I sec. a.C. modi di vivere, rituali e credenze ancestrali monoteistiche. I loro costumi ricordano molto quelli ebraici più antichi ed alcuni ancora attuali; l’assenza dell’uso della schiavitù, il divieto di consumare sangue, il concetto di imparentarsi tra loro, i riti della pasqua ebraica ed infine adorare un solo dio, nessuna immagine e unzione di pilastri di pietra (come Giacobbe). Dher esh-Shera d’altra parte significa “colui che possiede Shera” ossia “Signore di Shera” o “Signore della montagna sacra” con molte analogie con il Dio di Israele. Inoltre questo essere a tavola in tredici stimola altre idee, legate in qualche modo agli Esseni ed alle origini cristiane.

Ritrovamenti archeologici come la Pietra Sebea e un pendaglio d’avorio del XII sec. a.C. ed altre considerazioni fanno ipotizzare che gli edomiti e questi sopravvissuti conservassero la religione monoteistica originaria, molto pacifista ed ugualitaria, quella che avrebbe influenzato financo il culto di Aton in Egitto e che il dio non fosse necessariamente maschile (androgino ?), come più tardi inquadrato dalla cultura ebraica patriarcale, ma tutto questo mi è ancora molto poco chiaro. Forse Mosé era stato introdotto alla nuova illuminazione dal padre di Jasher; gli edomiti primi adoratori del Dio unico?

Zip - 74.1 Kb
Articolo in formato compresso zip

Io personalmente non sono in grado di valutare se tutte queste ipotesi in cui mi sono imbattuto in questa mia ricerca che qui ho cercato di esporre sommariamente (per quanto possibile!) siano vere, ma tuttavia le trovo affascinanti e gettano nuova luce su tanti aspetti della Bibbia e della storia della religione ebraica e mi stimolano a continuare le mie ricerche.

PDF - 1.2 Mb
Stampa l’articolo con tutte le immagini

P.S.

Appendice

Una breve (per quanto possibile!) cronologia di inquadramento

- Popolazioni semitiche intorno al 2000 a.C. avevano formato il regno di Mari nel nord della Siria e tra queste, intorno al 1800, risultano registrate tribù “habiru” (ebrei) come suoi popoli dal re Zimri-Lim.

- Nel XVIII sec. a.C. viene collocata lo stanziamento delle tribù ebree dei primi discendenti di Abramo nella terra di Canaan e nella transgiordania fino al mar Rosso.

- Secondo le più recenti scoperte archeologiche e documentarie in quel periodo gli hyksos si spinsero sempre più a sud e invasero tutto il nord dell’Egitto, che era in fase declinante a quel tempo e vinsero gli egiziani anche grazie alle loro nuove tecnologia del ferro, dei carri e dei cavalli. Gli hyksos si insediarono (Manetone storico greco IV sec.a.C.) e governarono dalla loro capitale Avari, nell’est del delta, come faraoni per un paio di dinastie, la XV e XVI e regnarono per circa 150 anni, mentre nell’alto Egitto a Tebe regnava la XVII dinastia. Le storie di Giuseppe l’ebreo in Egitto dovrebbero collocarsi in questo periodo.

- Il faraone Ahmosis fondatore della XVIII dinastia intorno al 1550 espulse definitivamente gli hyksos con il che è convenzionalmente cominciato in Egitto il Nuovo Regno. Il faraone Tuthmosis III nel 1500 si espanse nella Namibia e in Asia e sconfisse gli hyksos in Canaan portando molti schiavi habiru in Egitto, come risulta dalla tomba di Antef che li elenca tra i prigionieri.

- Tra il 1372 e il 1334 il faraone Amenophis IV, non particolarmente bellicoso, abbandonò il culto di Amon e impose il culto del dio unico Aton, cambiò il suo nome in Akhen-Aton e fondò a Tell el-Amarna la nuova capitale Akhet-Aton (brillante di Aton). Gli succedette il suo secondo figlio il giovane Tutankh-Aton che restaurò il culto di Amon e il potere al suo clero a Tebe , dove riportò la capitale, e cambiò il suo nome in Tutankh-Amon.

- Una corrente di studiosi pone intorno al 1360 l’uscita degli ebrei dall’Egitto guidati da Mosé che vagarono nel deserto per i famosi 40 anni e nel 1320 conquistarono Gerico ed entrarono nella terra promessa. La stele del faraone Meroptah datata 1200 a.C. riporta “saccheggiata è Canaan con ogni male ..... Israele è completamente distrutta”,

- Di qui fino al 1000 a.C. quando David della tribù di Giuda unificò le tribù e conquistò Gerusalemme, gli israeliti con alterne vicende e notevoli massacri si insediarono in Canaan.

- Salomone, figlio di Davide, nel 972 costruì il nuovo Tempio a Gerusalemme e gli edomiti facevano parte del suo regno e condividevano la religione ebraica. Alla sua morte intorno al 932 a.C. la tribù di Giuda con quella di Levi si separò e fondò il regno di Giuda con il re Roboamo I.. Le altre 10 tribù rimasero nel regno di Israele con Geroboamo I che eresse un nuovo altare a Betel e la capitale fu portata a Samaria.

- Dopo vari conflitti interni ed esterni nonché accuse di apostasia tra i due regni ebrei, nel 722 a.C. il re Osea di Israele è sconfitto dagli Assiri di Sargon II ed il regno di Israele cessò di esistere.

- Il regno di Edom rimase con il regno di Israele e forse parzialmente indipendente fino all’invasione assira. Ma subì vari attacchi da parte del regno di Giuda con perdite dei territori a sud al tempo del re Ozia 753 a.C. Quindi subì altri attacchi giudei dal re Giosia (640-609 a.C.) che distrusse Betel e Teman, la capitale, con grande ferocia, anche sulla base delle accuse di apostasia fomentate dai profeti giudei.

- Il regno di Giuda, pur avendo subito saccheggi da parte degli egiziani ed altri, resistette fino al 605 a.C. quando venne invaso dai babilonesi di Nabucodonosor e molti dei suoi abitanti furono come noto deportati a Babilonia.

- Ci sono riferimenti nella Bibbia che il regno edomita esistesse ancora indipendente e armato durante il periodo babilonese.

- Nel 539 il re persiano Ciro permise ai giudei di ritornare a Gerusalemme, come protettorato, nominando un principe ebreo come governatore.

- Sotto la direzione dei profeti Aggeo e Zaccaria intorno al 525 a.C. la Bibbia ebraica venne messa nella sua forma attuale per iscritto.

- Dalla conquista dell’Egitto di Alessandro nel 333 a.C. gli ebrei non ebbero più una vera indipendenza salvo qualche breve periodo di ribellione. Nel 63 a.C. i romani si annessero la Palestina e poi istallarono Erode come re nel 37 a.C. . Nel 70 d.C. il generale Tito fece il famoso saccheggio di Gerusalemme e del tempio più volte ricostruito e nel 135 d.C. di nuovo i romani sconfissero definitivamente Bar Kokhba nella fortezza di Bethther.

- Dal IV sec. a.C. nella regione di Edom cominciò ad affluire una popolazione araba proveniente dalla penisola arabica, i Nabatei che gradatamente ne presero possesso e diventarono la cultura dominante con capitale Petra intorno al I sec. a.C. estendendo la loro influenza a nord fino a Bosra in Siria Di questo periodo sono le citazioni riportate nel prologo. Nel 106 d.C. Petra fu colonizzata dai romani e nel periodo bizantino divenne sede vescovile, quindi perse ogni importanza con la conquista mussulmana nel VII secolo. Nel XII sec per un breve periodo fu conquistata dai crociati che costruirono un forte, dopo di ché cadde nell’oblio fino al XIX sec.

[*] Graham Phillips, Mosé, Sperling & Kufer Editori, Milano 2002