INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3977738
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

La turbopolitica (Bur, 2006)

LA COMUNICAZIONE POLITICA DAL LINGUAGGIO ALL’IMMAGINE

La turbopolitica - Bur, 2006
lunedì 26 febbraio 2007 di Carlo Vallauri

Argomenti: Politica
Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Edoardo Novelli


Segnala l'articolo ad un amico

Edoardo Novelli nel volume La turbopolitica (Bur, 2006) analizza il corso delle varie fasi della comunicazione politica in Italia dall’immediato dopoguerra ad oggi.

In effetti è una precisa ricognizione dei caratteri assunti dagli strumenti di comunicazione che rivolti a persuadere hanno poi tentato tutte le strade per meglio sedurre, ricorrendo sempre più all’emozione che non alla ragione, e sempre più all’immagine che non alle parole. Se il fascismo ha lasciato le sue tracce visive, i filmati di propaganda nel dopoguerra hanno esercitato una significativa influenza, dai documentari e spot in favore della democrazia cristiana alla propaganda audiovisiva sia del governo che di “cinegiornali della pace” realizzati da Zavattini per il PCI. Arriviamo poi alla più libera estrinsecazione dei “figli dei fiori” sino ai trionfali talk-show televisivi. Richiamati i primi sondaggi elettorali (1920), l’A. si sofferma su specifiche tecniche di propaganda sul passaggio dai grandi oratori in piazza alle star, con suggestive fotografie. Caduto l’agit-prop (quante energie - osserviamo - sprecate!), si è poi diffusa una tipologia più mirata attraverso canali soggettivi (argomento che forse meritava maggiore approfondimento). Una amplissima bibliografia arricchisce questo utile e agevole libro, dal quale possono apprendere soprattutto i giovani che non hanno vissuto quelle stagioni di emozioni e di battaglie. Nelle ultime pagine pertinenti le osservazioni sui caratteri specifici della persuasività politica messa in atto da “Forza Italia” (non so tuttavia se sia esatto che l’iscrizione a F. I. non è stata possibile sino al ’97).