INFORMAZIONE
CULTURALE
Marzo 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4787
Articoli visitati
4041512
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
22 marzo 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

CARLA LUISA ZUCCALA: Poetessa della natura


giovedì 14 dicembre 2006 di Silvana Carletti

Argomenti: Arte, artisti


Segnala l'articolo ad un amico

L’ispirazione poetica di Carla Luisa Zuccalà trae origine dagli aspetti più belli della natura: il sole, il lago,il bosco, la luna......ma non solo. Carla Luisa parla anche della vita moderna con i suoi drammi, le sue guerre e il suo dolore.

Sono sensazioni immediate, filtrate attraverso una visione poetica personalissima che pone al centro dell’universo l’uomo, e più ancora, il bambino, alla cui educazione la poetessa, come insegnante, si è a lungo dedicata con grande affetto. Per gli alunni delle scuole materne, elementari e medie, infatti, ha composto canzoni, indovinelli e filastrocche, musicate da lei stessa e dal maestro compositore Valentino Valentini Puccitelli, suscitando un grande interesse, per l’alto valore educativo dei suoi metodi psico-pedagogici. C.L.Zuccalà,inserita in antologie e riviste, è stata membro di giuria inconcorsi letterari a livello europeo e collaboratrice di periodici in Italia e all’estero. Le sue poesie sono tradotte in francese, brasiliano e russo. Con la galleria d’arte "SANT’AGATA " di Roma ha presentato da febbraio a marzo e da ottobre - novembre 2006, "Unione di poesia e pittura", trasmessa dalla SKY TV e da MONTI TV.

Socia del" MOVIMENTO INTERNAZIONALE NEOUMANISTA- III MILLENNIO- e del CENTRO RICERCHE E STUDI "IL RONCIO D’ORO" di Ronciglione,è stata intervistata più volte in TV dalla Casa editrice PAGINE e in radio dalla RAI ha preso parte alle rassegne d’arte " RE DI ROMA" dall’Associazione" ART STUDIO TRE" primavera -autunno con la recitazione delle proprie poesie.

Questa eccellente artista dai poliedrici aspetti, esprime nell’arte dei versi, la sua visione del mondo, coinvolgendo il lettore e regalandoci un po’ dei suoi sogni, in un momento in cui sembrano venir meno sentimenti ed emozioni.

SILVANA CARLETTI

Alcune poesie di Carla Luisa Zuccalà

(Le prime due per bambini)

PER LA FESTA DELLA DONNA.

Per la festa della donna,
mammina,
ho fiori di mimosa
per non sentirmi
più bambina.
Insieme a te,
sussurrerò a papà
di farci auguri,
auguri di tanta felicità.
Allora si,mammina,
mi sentirò,come te,
una vera donnina.



PER SAN VALENTINO.      

                                             
Un giorno Cupido              
tirò la freccia dell'amore  
e papà e mamma                        
sentirono una fitta al cuore.
S'innamorarono davvero,                    
con tanta gioia di adesso mia,            
e son felice di avere                      
la famiglia                                
più bella che ci sia.                
                                                                       
 

SEMPLICI RAGGI.


C'è sole....
un sole caldo,
che non mi fa curiosare
sulla stagione:
....m'ingannerei
con l'estate che ho lasciato
e verità allontanate
dall'orlo del tempo
..dipinto dai sospiri.
C'è sole nel cielo limpido
ed il corpo....sente necessità
di sentirlo penetrare nei pori,
come momenti senza paura,
nell'aria,che offre raggi...
alla preziosità della vita.


SPALLE NUDE

Nudi desideri
nei respiri senza volto
e la verità si nasconde
dove l'ignoto colora speranze.
Ho bisogno di caldo
come l'aria che mi sfiora,
ma l'ombra delle tue mani
è ignara di vicinanza.
.....Aspetto buio
dopo colori del sole
sul letto dell'infinito
....e conto sospiri spogli di pace
nei secondi.....
che solo tu doni
.....nell'invisibile appagamento
.....di una notte.


STRADE ASSOLATE

Necessità
di spaziare lo sguardo
lontano.
Dove i raggi ancora
penetrano la terra
ed il presente si scalda veloce
nel cratere del tempo
....e pianure di tranquillità
sospirata.
Rasenti cinguettii                                    
d'illusorie liberà,
in gabbie di terrazze fiorite
..e velocità di treni
su binari d'obbligo
e spazzi senza veduta.
...Regalano ombre le ore
...volubili come l'uomo                                
allo scivolio del giorno
sul filo dell'orizzonte.
Forse la città..sente domenica
nelle strade assolate
e le genti...
curiosità dei loro destini.
Cerco tra gli spazzi dei palazzi
lontananza,
mentre il sole mi scalda,
..e le ore,
mi assorbono senza chiedere
....senza tornare.


AFFINITA'

Forti respiri di zefiro                              
e brividi
penetrano le vie,
primeggiandone natura.                                  
Le strade
inebriano gemiti                                      
regalando piaceri                                    
dal ponentino che le risveglia,                        
come amante senza digiuno
nel letto del tempo che li forma.
....Non ci si può sentire estranei
a potenze generatrici,                                
umanizzate dall'essere...                            
nel fervore di se stesso.
...Correnti                                            
si concretizzeranno in pensieri
nei cento sentieri dell'amore:
...anima capitale                                        
di formazione d'essenza                              
nell'alito ansimante                                  
di sospiri,                                      
che ci creano.  
 



  • > CARLA LUISA ZUCCALA: Poetessa della natura
    17 marzo 2007, di rosanna sabatino

    Poetessa, la Zuccalà, dolce e sensibile ma di grande tenacia e fermezza. Ho avuto modo di conoscerla e nell’articolo dedicato a lei ritrovo esattamente tutte le caratteristiche della sua vena poetica. Apprezzo molto le poesie pubblicate nel testo e spero di poterne leggere altre in futuro.
    rosanna sabatino