INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3975498
Connessi 16

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Le pari opportunità. Condizione femminile in Italia ed integrazione europea (Laterza, 2006)

LE GARANZIE PER LE OPPORTUNITA’ FEMMINILI

I DIRITTI IN EUROPA
sabato 2 dicembre 2006 di Carlo Vallauri

Argomenti: Sociologia
Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Alessia Donà


Segnala l'articolo ad un amico

Alessia Donà in Le pari opportunità. Condizione femminile in Italia ed integrazione europea (Laterza, 2006) compie una approfondita ricognizione sul cammino percorso a livello europeo in materia di riconoscimento dei diritti di parità per le donne. La studiosa esamina la situazione presente nel quadro dei paesi che a suo tempo hanno scelto il Welfare, ma nei quali condizioni di disparità non sono affatto scomparse. In particolare in Italia è stato l’intervento dei gruppi di interesse delle donne a consentire miglioramenti nel loro status ma in seguito la crisi del moderno sistema di “stato sociale” ha riproposto una più precisa definizione dei termini giuridici ed economici delle strategie da impiegare nell’attuazione di regole garantiste. E proprio questi aspetti costituiscono una importante messa a punto giacché - dopo i richiami ai precedenti storici e costituzionali (dalla nascita della legislazione protettiva a fine Ottocento) - Donà si sofferma sulla presenza delle donne nelle istituzioni rappresentative, con i dati concernenti i paesi europei, e sull’attuale corso della politica sociale nell’Europa allargata. La politica dell’Unione tende a sistematizzare le regole nei singoli Stati in un contesto di crescente e vincolante polity multistrato.

La Convenzione incaricata di revisionare i trattati comunitari si è trovata di fronte alla necessità di semplificare l’impianto generale dell’UE e le strutture di governance e di integrazione della Carta dei Diritti. Il gruppo Europa sociale è pervenuto nel 2003 ad un rapporto funzionale che ha contribuito all’inserimento nel trattato costituzionale di norme che sanciscono il principio della non discriminazione, la protezione della vita familiare e della salute, con una razionalizzazione delle competenze e degli strumenti di intervento nella politica di pari opportunità. Alla strategia di Lisbona si è inteso aggiungere l’ “Agenda sociale”, che fissa i metodi da adottare per rendere più efficace gli avanzamenti in materia di trattamento per il “genere” (di cui si occuperà un apposito Istituto europeo) e, in genere, per offrire più sicure garanzie in merito alle remunerazioni e altre progressioni in carriera. Segnaliamo infine l’amplissimo ed aggiornato corredo bibliografico.