INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5441
Articoli visitati
4430156
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
9 ottobre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EVENTI


L’INAUGURAZIONE A ROMA DELLA CASA DELLA MEMORIA


venerdì 7 aprile 2006 di Carlo Vallauri

Argomenti: Mostre, musei, arch.
Argomenti: Storia


Segnala l'articolo ad un amico

Nei giorni scorsi si è inaugurata a Roma, in via S. Francesco di Sales, in Trastevere, la Casa della Memoria e della Storia, in un edificio messo a disposizione dal Comune. La nuova istituzione raccoglie archivi e documentazione relativi all’Italia contemporanea, con particolare riferimento alla storia del movimento di liberazione nazionale e sarà sede anche di altri organismi operanti nello stesso senso.

Animatore e proponente, Massimo Rendina, giornalista e scrittore, presidente dell’Anpi romana, attivo partecipe della Resistenza. E proprio recentemente, il volume Vecchi partigiani miei di Pietro Carmagnola, ripubblicato da Franco Angeli, l’autore (scomparso alcuni anni fa), volontario nelle file partigiane in Piemonte, ricorda la personalità di Rendina, Capo di stato maggiore della 19ª brigata Garibaldi e poi della 1ª divisione Garibaldi. È interessante leggere in quelle pagine come Max (questo il nome di battaglia del giovane Rendina) fosse un infaticabile organizzatore e dirigente militare, tanto fermo e risoluto quanto ricco di umana solidarietà verso i tanti ragazzi, che in quei mesi drammatici, cercavano di trovare la loro giusta e precisa collocazione politica e morale. Tra l’altro il libro rievoca interessanti episodi della lotta partigiana, come un aspro rastrellamento subíto nella Val di Lanzo. E certo nessuno meglio di Massimo Rendina può simboleggiare nella casa della Memoria di Roma, quale suo principale e significativo rappresentante, quella esperienza. L’invito adesso è alle scuole affinché gli studenti siano i primi visitatori della testimonianza di quella Storia..