INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3977738
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Chi comanda Roma (RX Castelvecchi)

COME SI MUOVONO I POTERI FORTI NELLA CAPITALE

Una analisi critica e realistica
martedì 1 aprile 2014 di Carlo Vallauri

Argomenti: Luoghi, viaggi
Argomenti: Politica
Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Ylenia Sina


Segnala l'articolo ad un amico

Ylenia Sina nel documentato libro Chi comanda Roma ha messo a nudo un approfondito accertamento sul sistema di potere per mezzo del quale “palazzinari”, banche e stampa, tengono in pugno la capitale.

Non è certo un argomento nuovo, tanto più che, come scrivono Alessandro Zardeto e Daniele Nabbau nella nota editoriale di prefazione, lo studio s’inseriva in una ampia inchiesta servile sui “veri padroni delle città italiane”, e quindi gli autori hanno sistematicamente organizzato le loro ricerche muovendo dal concreto evolversi del processo di urbanizzazione. Così, capitolo dopo capitolo, il lettore viene a intravedere una serie di vere e proprie “fotografie del potere”. Naturalmente gli autori hanno ricostruito un insieme di informazioni che chiamano in causa importanti personaggi della “Roma bene”, per descrivere – a noi sembra – una “Roma male”.

Si delinea così una serie di interventi e di azioni che riguardano il settore delle costruzioni, innanzitutto, spiegando come funziona il meccanismo degli intrecci di potere che si è venuto a determinare insieme dei comportamenti tra privati e politici. “Cambiare nella continuità” è il simbolo che sintetizza questo grande scorcio di come siano state assunte via via dalle amministrazioni pubbliche una serie di atti, dei quali vengono presentati rischi, disavventure, a seconda delle diverse gestioni. Naturalmente non si possono negare né dimenticare i risultati positivi del sistema finanziario instauratosi nella capitale, come riferisce in particolare Roberto Morassut in una intervista nella quale è sottolineato come si siano stabiliti rapporti di forza tra amministrazione pubblica e rendita urbana.

Qui non possiamo certo riprendere tuto l’insieme del groviglio di interessi che avrebbero portato ad un nuovo “sacco di Roma”. In un’altra intervista Vezio De Lucia afferma che dal Vaticano a Caltagirone, a Roma comanda la proprietà fondiaria. Risalire al piano regolatore del 2008 consente d’inquadrare le diverse serie di poteri affermatisi nella città, con particolare riguardo all’Eur, a Pietralata, a Cinecittà, centri a loro volta di complessi interessi. Un vero e proprio circuito di interessi individuato attraverso richiami a varie responsabilità sul diffondersi di comportamenti che hanno fatto di Roma una città “disegnata” nel suo sviluppo diseguale.

Naturalmente risultano con evidenza le diseguaglianze sempre più accentuate, specie in riferimento al sistema bancario. Vengono individuati, capitolo dopo capitolo, quelli che sono presentati come “poteri forti”. La lettura può essere utile per farsi una idea di come le varie amministrazioni abbiamo continuato ad operare nel loro succedersi alla guida della città. La giornalista autrice del libro ha il merito di aver studiato a fondo nei meandri di ambienti, la cui attività si è dimostrata dannosa per la cittadinanza mentre è difficile individuare fattori positivi: è questo il destino fatale per i romani? E vi sono altre possibilità? Ardua la risposta.