INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3975498
Connessi 14

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Per un nuovo umanesimo nell’economia (Elledieci 2012)

IL PENSIERO CATTOLICO PRIMA DI PAPA FRANCESCO

UMANESIMO ED ECONOMIA
sabato 1 marzo 2014 di Carlo Vallauri

Argomenti: Economia e Finanza
Argomenti: Religione
Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Daniele Ciravegna


Segnala l'articolo ad un amico

L’Enciclica “Caritas in veritate” di Papa Benedetto XVI è stato un punto fermo nella dottrina della Chiesa che ha presentato nel libro Per un nuovo umanesimo nell’economia (Elledieci).

La sua lettura può essere utile per far luce sulla esatta posizione della dottrina sociale della Chiesa prima dell’avvento del nuovo Papa, proveniente da quell’Argentina “alla fine del mondo”, secondo una fortunata espressione.

JPEG - 3.6 Kb
Daniele Ciravegna

L’autore coglie l’occasione per un sintetico excursus muovendo dalla “Rerum novarum” (1891) che segnò l’insediamento del cattolicesimo nel vivo del dibattito politico sulla visione del contrasto tra le condizioni moderne rispetto al peso del capitalismo nella società contemporanea. Nel 2009 in effetti la Chiesa volle distinguersi riconsiderando il fine stesso della valutazione dei bisogni dell’uomo di fronte allo sviluppo indefinito dei consumi, cioè entrando nel merito di quegli aspetti tecnici della produzione in un mondo caratterizzato sempre più dalle violenze esercitate di fatto dal cosiddetto circolo vizioso della povertà.

Si volle cioè rimarcare l’esigenza fondamentale di salvaguardare i valori autentici della persona, secondo una visione che proveniva da Maritain che negli anni ’30 aveva “spostato” alla base l’impostazione cristiana verso l’attenzione diretta alla realtà concreta dei fattori economici in un quadro dell’universo globale.