INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2014



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 1438
Brevi on-line  1045
Articoli visitati
4818239

Connessi 84

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
CINEMA
SPETTACOLO E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-13 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
1 aprile 2014   e  
17 aprile 2014



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: CINEMA


PRIME CINEMA "ROMANZO DI UNA STRAGE"

mercoledì 4 aprile 2012
di Silvana Carletti

Eventi segnalati: Evento avvenuto
Argomenti: Film

Segnala l'articolo ad un amico

 

Dopo tanti anni, il mistero sui veri mandanti ed esecutori della strage di Piazza Fontana a Milano permane e fa discutere ancora la pubblica opinione.

Il regista Marco Tullio Giordana ci ripropone in “Romanzo di una strage” la tragedia del 12 dicembre 1969 quando una o più bombe distrussero la vita di 14 persone (poi salite a 17) e il ferimento di altre 88, fatto che sconvolse il nostro Paese come un cataclisma. Si trattava di un eccidio gravissimo che scatenò la paura, il sospetto e la caccia all’uomo in un momento in cui l’Italia attraversava una stagione di attentati, bombe, scontri e violenze.

- In un clima siffatto, la contestazione studentesca e le agitazioni operaie presero vigore spinte dal desiderio di novità, di voglia di cambiamento, di modernità e di giustizia sociale. La strage di Piazza Fontana coinvolse il mondo anarchico milanese e romano, la destra estrema e la sinistra, nonché forze oscure collegate ai servizi segreti.

- Purtroppo la verità non venne mai a galla e chi cercò di indagare per portare alla luce i veri colpevoli, fu barbaramente ucciso. Molto scalpore produsse il “suicidio” dell’anarchico Giuseppe Pinelli che precipitò dalla finestra della stanza del Commissario Calabresi, dopo un interminabile interrogatorio di tre giorni e che fu “la vittima sacrificale” in quanto ritenuto diretto responsabile degli eventi di Piazza Fontana.

- Al momento della morte del Pinelli, Calabresi non era nel suo ufficio e non credendo all’ipotesi del suicidio, si diede da fare per trovare i veri colpevoli della strage e di tutte le sue conseguenze. A Treviso, nel frattempo, i giudici Calogero e Stiz, grazie alle rivelazioni di Guido Lorenzon, scoprirono una galassia di giovani neonazisti pronti a tutto, spesso coperti dai servizi segreti, tra cui Giovanni Ventura e Franco Freda che furono arrestati assieme ad altri complici. Purtroppo Calabresi, sempre più coinvolto nella ricerca dei veri colpevoli, morirà vittima di un crudele attentato alla sua persona.

- Questi episodi sono descritti magistralmente nel film di Giordana e non manca tra i personaggi, la presenza di noti politici storici come Aldo Moro e Giuseppe Saragat che, all’epoca, intervennero con la loro autorità per cercare di sbrogliare l’intricata matassa, senza per altro ottenere il dovuto successo.

- “Romanzo di una strage” si avvale di interpreti eccezionali: dal bravissimo Pierfrancesco Savino(Pinelli) a Valerio Mastrandrea( il commissario Calabresi) a Laura Chiatti ( Gemma Calabresi) a Luigi lo Cascio (Giudice Paolillo) a Giorgio Tirabassi (Il professore), solo per citarne alcuni: un cast che risponde in pieno fisicamente e artisticamente ai difficili ruoli affrontati.

Si tratta, insomma, di uno spettacolo reale ed intenso che ci riporta indietro nel tempo ad una stagione turbolenta e piena di contraddizioni in cui la violenza e una diffusa sete di giustizia dominavano il contesto esistenziale del nostro Paese; il che dovrebbe servire da monito a chi si trova ad affrontare i problemi di oggi.



 



Forum

  • 18 maggio 2013 Pittura Estemporanea al Borgo Sant’Eligio e Piazza Mercato (Napoli)
    25 aprile 2013, di Luciano De Vita

    Una opportunità per gli artisti poco noti di farsi conoscere.

  • VIII RASSEGNA INTERNAZIONALE DI ARTE PITTORICA CONTEMPORANEA “PREMIO TARGA D’ORO CITTÀ DI GUBBIO – 2013”
    17 gennaio 2013, di matilde orsini

    Gentile Artista Melita Gianandrea,

    E’ con piacere che La invitiamo a partecipare all’VIII RASSEGNA INTERNAZIONALE DI ARTE PITTORICA CONTEMPORANEA - “PREMIO TARGA D’ORO CITTÀ DI GUBBIO – 2013” .

    L’invito è mirato a 35 Artisti scelti dal Comitato Selettivo composto da ARTEC, C.A.S. e NautArtis.
    La preghiamo cortesemente di volerci comunicare la Sua decisione in merito anche se negativa, entro il 27 Gennaio.

    La ringraziamo anticipatamente e porgiamo i più cordiali saluti artistici,

    Ing. Matilde Orsini - "Regina"
    Presidente NautArtis
    Associazione Culturale Gubbio
    Sul sito http://www.associazionenautartis.it... il nostro programma per il 2013 e il regolamento dell’VIII Rassegna - Gubbio 2013.

  • "IL MARITO DI MIO FIGLIO" AL TEATRO DELLA SOCIETà FILARMONICO DRAMMATICA di MACERATA
    30 aprile 2011, di CFD Macerata

    Grazie infinite per il Suo meraviglioso articolo!
    E’ stata davvero una fantastica giornata. Ci siamo molto divertiti!
    Grazie al caloroso pubblico e a tutte le dimostrazioni di affetto.
    Fabio Campetella.

  • GRANDE SUCCESSO DI "Che bella giornata"
    22 gennaio 2011, di Luciano De Vita

    CHE BELLA GIORNATA, c’è poco da ridere a parte alcune gags, anzi da piangere.
    Una spietata immagine dell’ignoranza e della prosopopea di una notevole parte degli abitanti di questo nostra Italia che celebra quest’anno il suo 150° anniversario di esistenza come nazione, cittadini che con questi atteggiamenti ci stanno portando ad un collasso dell’economia e ad un clima di sfascio morale.
    L’enfasi dei luoghi comuni più retrivi nella nomea che abbiamo all’estero, tra cui il potere dei clan familiari.

    La battuta più interessante e veritiera è quella della “terrorista” sull’aereo: “Per distruggere il paese non serve il terrorismo, basta Checco!”.

    Ho l’impressione che il grande successo del film, formalmente ben fatto, sia dovuto al compiacimento di una gran parte del pubblico per questi “andazzi”. Credo che il nostro paese abbia bisogno di ben altre storie, questa non è né leggera né divertente.

    • GRANDE SUCCESSO DI "Che bella giornata"
      10 febbraio 2011, di Silvana Carletti

      Sono perfettamente d’accordo con lei, ma in un’Italia, "drogata" dalla televisione commerciale a dir poco spudorata, che ha cancellato ogni morale, ogni ritegno e, soprattutto i sogni e le speranze dei giovani, in nome di "Un grande fratello", penso che se c’è qualcuno, anche un comico, che ha il coraggio di uscire fuori dal coro e di rappresentare il nostro Paese così come è (purtroppo!), sia un fatto positivo. Se non altro perchè dimostra, finalmente, che "non va tutto bene" come afferma da sempre chi , per proprio tornaconto, è abituato a nascondere fatti e misfatti.
      E, dato il successo del film, direi che non è poco!

  • Un grave lutto per la nostra redazione.
    24 giugno 2009, di antonella

    In morte di Zio Arturo

    ......................

    "La morte ci ha da trovar vivi"

    e Tu carissimo Zio

    con la Tua immane cultura,

    la Tua umanità,

    i valori che esprimevi,

    quando, prodigo,

    non lesinavi consigli ed incoraggiamenti

    a tutti noi,

    Eri vivo.

    Oggi che non sei più

    il Tuo ricordo sarà per noi lo sprone

    a fare sempre meglio, perchè

    "Le urne dei forti gli animi accendono".

    Tu resterai per noi l’eterno faro.

    ......................

    Antonella, Alessandro e Francesca Iovino