INFORMAZIONE
CULTURALE
Agosto 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4523
Articoli visitati
3893836
Connessi 22

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 agosto 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: COSTUME E SPETTACOLI


UCCISA IN ATTESA DI GIUDIZIO ALLA FESTA DEL CINEMA

venerdì 3 novembre 2017

Segnala l'articolo ad un amico

 

La Fondazione Doppia Difesa, impegnata contro la violenza sulle donne, presenta all’interno della Festa del Cinema di Roma il cortometraggio, prodotto da Camaleo/Rhino di Roberto Cipullo, Mario Pezzi e Alberto Salerno, Uccisa in attesa di giudizio, di Andrea Costantini, con protagonisti Ambra Angiolini e Alessio Boni, ispirato alla campagna lanciata da Doppia Difesa “ASPETTANDO SI RISCHIA LA VITA Mai più donne che muoiono in attesa di giustizia”

Si è svolta a Roma in occasione della Festa del Cinema la presentazione del cortometraggio della Fondazione Doppia Difesa diretto da Andrea Costantini “Uccisa in attesa di giudizio” che vede protagonisti Ambra Angiolini e Alessio Boni, prodotto da Camaleo e Rhino Production.

La pellicola mira a sensibilizzare sui tempi lunghissimi della giustizia italiana, che spesso rendono inutili le denunce da parte delle vittime permettendo il compiersi di tragedie altrimenti evitabili. Giulia Bongiorno ha dichiarato - “la Fondazione Doppia Difesa ha intenzione di presentare una proposta di legge che si chiama ’Codice Rosso’, priorità assoluta. Una donna che rischia la vita non può essere una pratica messa sulla scrivania in attesa che qualcuno la apra".

L’esortazione a denunciare le violenze arriva anche da Michelle Hunziker, che invita a "non avere paura" e sottolinea la cautela a "denunciare dopo essersi rivolte a delle Onlus, come la nostra, che danno consigli legali gratuiti e seguono la vittima in tutti i passaggi indicando come muoversi in determinate situazioni, perché capisco che bisogna stare attente e ogni caso è a sé".

Dopo la conferenza Stampa tenutasi al Maxxi si è svolta a Roma in serata presso il Sina Bernini Bristol la cena di Gala alla quale hanno partecipato tanti amici famosi sostenitori di Doppia Difesa. L’evento è iniziato con la proiezione corto e l’esposizione degli oggetti donati da numerose griffe di moda, tra cui: Trussardi, Giorgio Armani, Prada, Tod’s, Fendi, Alberta Ferretti, e molti altri, che sono stati acquistati per ricavare fondi per la Onlus.

I rimanenti sono stati battuti all’asta da Michelle Hunziker assistita dall’attrice e regista Michela Andreozzi e la conduttrice della serata Carolina Rey durante la cena di Galà.

La serata è proseguita sulla terrazza più bella nel cuore di Roma il roof del Bernini che ospita il ristorante Giuda Ballerino dello chef Andrea Fusco , intervallata da brevi spettacoli delle Dyvette.

Tanti gli ospiti presenti a sostegno di Doppia Difesa: Jessica Notaro ospite anche durante la conferenza stampa durante la quale ha raccontato la sua tragica testimonianza, tra i personaggi dello spettacolo Raoul Bova, Ursula Andress, Alessandra Amoroso, Fiorella Mannoia, Michela Andreozzi e Massimiliano Vado, Remo Giorone, Catrinel Marlon, Andrea Osvart, Massimo Giletti, Ariadna Romero, Chiara Francini, Mia Benedetta e tanti altri.

Il cortometraggio di Andrea Costantini e le attività sono state rese possibili possibile grazie al sostegno di sponsor e aziende private tra cui Mediaset, Cotril, Morellato, Magnum Girl Power, Tantum Rosa, Med Store, Marco Rapanelli Consulting, Sino Bernini Bristol, ideazione e coordinamento dell’evento cura di Marvi De Angelis, ufficio stampa Manzo Piccirillo. Fondazione Doppia Difesa Onlus nasce nel 2007 con l’obiettivo di aiutare coloro che hanno subìto discriminazioni, violenze e abusi ma non hanno il coraggio, o le capacità, di intraprendere un percorso di denuncia.

Si tratta perlopiù di donne, che vivono nel più totale isolamento ideologico e sociale, nel silenzio e nell’indifferenza generali, e che per questo troppo spesso non sono nemmeno consapevoli di essere vittime.



 



Forum