INFORMAZIONE
CULTURALE
Febbraio 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4270
Articoli visitati
3762178
Connessi 1345

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
SPETTACOLI E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
17 febbraio 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: SPETTACOLI E COSTUME


L’AVARO AL TEATRO PARIOLI

venerdì 3 novembre 2017

Segnala l'articolo ad un amico

 

TEATRO PARIOLI
STAGIONE 2017 – 2018
“Nuovi Scenari”
da martedi 7 a domenica 19 novembre 2017

Arca Azzurra Teatro presenta
Alessandro Benvenuti in
L’AVARO di Molière

adattamento e regia di Ugo Chiti
e con Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci, Paolo Ciotti, Gabriele Giaffreda, Elisa Proietti

con (in ordine di apparizione) Arpagone Alessandro Benvenuti Valerio Gabriele Giaffreda Elisa Lucia Socci Cleante Andrea Costagli Freccia Massimo Salvianti Mastro Giacomo Dimitri Frosali Don Anselmo Paolo Ciotti Frosina Giuliana Colzi Mariana Elisa Proietti

Ricerca e realizzazione costumi :Giuliana Colzi Luci: Marco Messeri Musiche: Vanni Cassori Aiuto regia:Chiara Grazzini

Il Teatro Parioli presenta da martedi 7 a domenica 19 novembre, un grande classico rivisitato in chiave moderna ed esilarante da Ugo Chiti: “L’avaro” di Molière, il cui protagonista sarà Alessandro Benvenuti.

Amaro e irresistibilmente comico, un’opera di bruciante modernità, L’avaro molieriano riesce a essere un classico immortale e nello stesso tempo a raccontare il presente senza bisogno di trasposizioni o forzate interpretazioni. Amaro e irresistibilmente comico, un’opera di bruciante modernità... L’avaro molieriano riesce a essere un classico immortale e nello stesso tempo a raccontarci il presente senza bisogno di trasposizioni o forzate interpretazioni.

Dopo il successo del nostro “Malato Immaginario” – votato dal pubblico dei teatri toscani, come miglior spettacolo della stagione 2014-15 - scegliamo ancora una volta Molière, ancora una volta nell’adattamento sempre rispettoso e spesso illuminante di Ugo Chiti, e aggiungiamo, nella parte del protagonista Arpagone, la grande cifra attoriale di Alessandro Benvenuti, al quale ci legano, oltre che una solida amicizia di lunga data, esperienze comuni di grandissimo spessore e successo quali il Nero Cardinale e una sempre più intensa attività di produzione dei suoi spettacoli.Con questo lavoro Ugo Chiti riprende il ricco filone di riscritture di classici per Arca Azzurra che ha visto messe in scena di grande impatto e di straordinario successo a partire dai due testi tratti dal Decameron di Boccaccio, fino alla Clizia Machiavelliana, e ai testi su l’Amleto e la Genesi, lavori che costituiscono vere e proprie punte di diamante nella storia della compagnia.

Chiti innesta le vicende dei grandi classici nel linguaggio, forte, crudo, e a volte comicissimo che gli è proprio e che diventa tutt’uno con le sue regie, scavando al fondo delle psicologie dei personaggi anche grazie alla assoluta corrispondenza dell’uso che fa della parola teatrale con il procedere delle sue messe in scena, del suo lavoro con gli attori, da quelli che hanno con lui una storia ormai più che trentennale ai giovani che di volta in volta sceglie per i suoi personaggi e che sa inserire mirabilmente in questo contesto di forte conoscenza e solidarietà tutta teatrale tipica dell’Arca Azzurra

.E anche nel caso di questo Avaro molieriano, anche grazie all’apporto del “primattore” Benvenuti, pur seguendo con grandissimo rispetto la vicenda, i tempi e la lettera del grande classico, il testo della riscrittura si plasma e si radica nel corpo degli attori della compagnia che del lavoro con il loro drammaturgo fanno ancora la principale e la più intensa delle loro esperienze.

biglietti: da 24 a 35 euro
Teatro Parioli Via Giosuè Borsi 20, 00197 – Roma tel . 06 8073040 www.parioliteatro.it



 



Forum