INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5428
Articoli visitati
4426046
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
30 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


PROBLEMA RIFIUTI: IRRISOLVIBILE?

AI POSTERI (FORSE) L’ARDUA SENTENZA
lunedì 1 novembre 2010 di ALICANTE

Argomenti: Attualità
Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

Sembra proprio di si!... Il miracolo tanto vantato da Berlusconi sta cadendo a pezzi di fronte a montagne di spazzatura che invadono strade e terreni e che, ahimè, aumentano di giorno in giorno…Inesorabilmente.

Il problema non è indubbiamente di facile soluzione perché, a nostro parere, parte innanzitutto da una educazione ambientale che stenta a decollare.

Le strade delle città sono sempre più invase da mozziconi di sigarette, da cartacce, lattine ed altro ancora, mentre i contenitori straboccano di rifiuti di ogni genere..

Non solo: al mattino si possono vedere immondizie versate per la strada da chi cerca, di notte, qualcosa di utilizzabile da prendere e portare via… La raccolta differenziata (quella vera) potrebbe fare molto, ma nei Comuni mancano risorse per le attrezzature, per il trasporto, per i controlli. “Tutto da rifare”, direbbe un celebre comico, ma, purtroppo, la situazione diventa sempre più drammatica. rifiuti_napoli—200x200

Gli inceneritori sono sicuramente dannosi per la salute, come le discariche e, giustamente, i cittadini si ribellano ad averli sotto casa. Come fare, allora? RIFIUTI PER STRADA

Seguire gli esempi dei Paesi europei ove una situazione del genere non si verifica, riorganizzare le spese e trovare il denaro necessario prelevandolo dagli sprechi, dai privilegi inimmaginabili di pochi e di caste organizzate e pensare soprattutto ai cittadini, al loro benessere, o meglio, alla loro sopravvivenza.

Illusioni sicuramente alimentate da speranze impossibili, finchè il governo, di qualunque colore sia, non decida di mettere al primo posto i doveri verso gli elettori, piuttosto che pensare esclusivamente ai propri interessi. CASSONETTI