INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5455
Articoli visitati
4434570
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
31 ottobre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


UN FERRAGOSTO NON PREVISTO, SOLTANTO UN ANNO FA


martedì 11 agosto 2020 di Silvana Carletti

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

Le famose “feriae Augusti” hanno rappresentato, da sempre, un periodo,

Dalle escursioni negli yacth, ai viaggi intercontinentali, alle crociere, fino al tradizionale ritorno alle seconde case, ai campeggi e così via, si passa ora alla rinuncia di un benchè minimo svago, di un soggiorno in albergo o pensione per restare nelle città assolate e con i servizi ridotti al minimo, con il timore di nuovi contagi e, soprattutto, con difficoltà economiche sempre crescenti.

Il dramma Coronavirus ha provocato disastri fisici, ambientali, economici, lavorativi, come una guerra invisibile sopraggiunta all’improvviso che ha trovato un mondo impreparato e in enorme difficoltà.

Il clima, inoltre, sembra accompagnare questa atmosfera di precarietà generale.

Si passa dal caldo insopportabile, alle piogge, ai temporali, alle trombe d’aria, se non alle nevicate sulle Alpi, con cali improvvisi di temperatura che danneggiano fisico e spirito.

In questo marasma di problemi e di incertezze sul futuro, spesso si rinuncia a qualsiasi iniziativa di “vacanza” e si resta in attesa di un cambiamento di vita che tarda ad arrivare.

Il mondo sta cambiando e ci si domanda spesso se l’uomo abbia avuto e abbia una grande responsabilità nel peggioramento delle condizioni di vita generali.

Non è mai troppo tardi, comunque, per “rinsavire” e prendere consapevolezza che la natura si sta ribellando minacciosamente all’incoscienza e alla trascuratezza degli esseri umani sempre più schiavi dei loro egoismi e di una crescente amoralità che sta prevalendo, ahimè, anche sulle nuove generazioni.

Foto logo: nuovomille.it