INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2017



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4072
Articoli visitati
3708798
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
SPETTACOLI E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-17 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
16 novembre 2017   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL
JPEG - 48.8 Kb
Ischia, vista da Procida

ISCHIA: un’isola incantevole del golfo di Napoli

I meravigliosi Giardini della Mortella e i Giardini Ravino
lunedì 4 settembre 2017 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Luoghi, viaggi
Argomenti: Turismo
Argomenti: Italia
Argomenti: Natura


Segnala l'articolo ad un amico

Il recente terremoto ha riportato alla ribalta l’isola di Ischia, molto amata da tutti i campani e per fortuna anche da migliaia di stranieri che, addolorati per i danni apportati all’isola dalle scosse, non hanno certo inneggiato a tale drammatico evento come certi incivili settentrionali che da anni invocano eruzioni vesuviane per favorire la distruzione della nostra meravigliosa regione.

Dannoso anche lo sciacallaggio mediatico che ancora una volta ha inferto colpi, senza chiarire la differenza tra abusivismo edilizio che imperversa da anni in tutta Italia, terreni che nell’isola amplificano l’intensità delle scosse, case vecchie, costruite con criteri d’altri tempi.

Ora tuttavia non mi vorrei soffermare su tale argomento, ma desidero piuttosto mettere in rilievo il patrimonio storico, artistico, culturale e paesaggistico di Ischia, soffermandomi in particolare sui meravigliosi giardini dell’isola: i Giardini della Mortella e i Giardini Ravino

Come Napoli e tutta la Campania, Ischia conserva le tracce del passaggio di antichi popoli, civiltà e dominazioni diverse, testimoniate da reperti archeologici e importanti monumenti, come i lettori potranno apprendere dal seguente sito: https://it.wikipedia.org/wiki/Isola_d%27Ischia

JPEG - 62.6 Kb
Ischia: Teatro Greco

Devo ammettere che spesso gli stessi campani non conoscono angoli meravigliosi del nostro territorio e così anche la sottoscritta, pur essendo andata spesso nell’isola, fino allo scorso anno non aveva ancora visitato gli incantevoli giardini che circondano la Villa della “Mortella”, termine napoletano riferito al “Myrtus communis”, una pianta molto comune nella zona.


Le origini dei giardini risalgono al 1949, quando il musicista William Walton decise di stabilirsi nell’isola d’Ischia con la moglie Susana in una villa circondata da un grande giardino botanico.

Oggi “La Mortella” è composta da 2 parti diverse: la Valle, disegnata dall’architetto Russell Page, caratterizzata da un clima subtropicale, umida e protetta dal vento, e la Collina o Giardino Superiore, interamente ideato da Lady Walton, con zone assolate e vegetazione di tipo mediterraneo.

Nel Giardino Superiore sono presenti la Sala Thai, circondata da fiori di loto, bambù e aceri giapponesi, il Tempio del Sole con bassorilievi di Simon Verity, la Cascata del Coccodrillo, il Ninfeo, il Teatro Greco e la Roccia di William, un masso dove sono custodite le ceneri dell’artista e di sua moglie. Il giardino si sviluppa su un’area di circa 2 ettari e include più di 3000 specie di piante rare, ruscelli, laghetti, cascatelle, bellissime terrazze con splendida vista sul mare.

Interessante la casa-museo che raccoglie i cimeli e i ricordi dei Walton, aperta al pubblico come i giardini, dalla Fondazione italiana William e dalla William Walton Trust di cui è presidente Carlo d’Inghilterra, principe di Galles. Lo scopo di tali fondazioni è quello di fare della Mortella un centro di studi per giovani musicisti ai quali sono offerte borse di studio, in particolare ai compositori. Ogni anno, inoltre, viene organizzata una stagione di concerti con i conservatori di Napoli, Roma, Firenze e periodicamente Il Teatro Greco ospita concerti estivi. Per maggiori dettagli si consiglia di visitare il seguente sito: http://www.lamortella.org/


JPEG - 61.7 Kb
Villa Ravino
JPEG - 129.5 Kb
Villa Ravino

Meno imponenti, ma senz’altro anch’essi degni di nota, sono i Giardini Ravino, aperti al pubblico nel 2006.

Nati dalla passione naturalistica del capitano di marina Giuseppe D’Ambra, il quale ritornava a Forio dai suoi lunghi viaggi con talee e semi di piante rare, senz’altro tali giardini sono divenuti così rigogliosi e lussureggianti per il clima mite e la fertilità del suolo che hanno favorito l’attecchimento di flora esotica: una collezione unica per varietà e dimensione di esemplari, un patrimonio enorme che i fratelli Christoph e Luca D’Ambra hanno curato, sotto la supervisione del padre: un parco botanico tropical-mediterraneo, un’incantevole oasi verde che include giganteschi e alti cactus colonnari, alcuni dei quali centenari.

JPEG - 78.2 Kb
Villa Ravino
JPEG - 77.9 Kb
Villa Ravino

Ispirati al concetto di biodiversità i giardini includono 5000 esemplari, in prevalenza cactacee e succulente e circa 200 cicadee, palme e musacee, piante esotiche e un’ampia rappresentanza di flora tipicamente mediterranea, fioriture ornamentali, piante acquatiche, bonsai, un esemplare di “wollemia nobilis”, conifera dell’era giurassica che si credeva estinta e riscoperta in Australia nel 1994.

JPEG - 58.9 Kb
Wollemia Nobilis

La visita si snoda attraverso sentieri privi di barriere architettoniche, tra aiuole delimitate da “parracine’, i tradizionali muretti realizzati con il tipico tufo verde locale, tra bellissime fioriere, pavoni che si offrono alla vista dei visitatori con le loro stupende piume multicolori, panorami mozzafiato.

Nel 2010 “L’Osservatorio Parlamentare Europeo e del Consiglio di Europa”, ha premiato i Giardini Ravino come migliore struttura turistica del Sud Italia per aver saputo coniugare la tradizione del patrimonio botanico raccolto dal capitano di Marina Giuseppe D’Ambra con la modernità di una struttura attenta ai temi sociali e ambientali. Contribuendo in questo modo alla promozione di un’isola incantata e unica in Italia”. (sito: http://www.ravino.it/it-ischia/giardini-ravino-parco-botanico )