INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5432
Articoli visitati
4426547
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
1 ottobre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EVENTI


Vincenzo Gemito in mostra a Napoli

Dal 29 marzo al 5 luglio 2009 presso il museo Pignatelli
giovedì 26 marzo 2009 di Achille della Ragione

Argomenti: Arte, artisti
Argomenti: Mostre, musei, arch.


Segnala l'articolo ad un amico

Finalmente a Napoli una grande retrospettiva rende giustizia a Vincenzo Gemito (fig. 1), uno dei protagonisti della scultura europea tra Ottocento e Novecento. Saranno esposti settanta lavori ed ottanta opere su carta, dalle terracotte giovanili alle figurette di mendicanti fino ai superbi bronzi della maturità, nei quali l’artista percorreva una personale rilettura della statuaria antica senza cadere come molti contemporanei nella retorica.

Numerosi i disegni (fig. 2 – fig. 3), realizzati con tecniche diverse quali penna, matita, carboncino, seppia e acquerello, provenienti da raccolte pubbliche e private, italiane e straniere. Particolare attenzione è riservata alla selezione di opere appartenenti alla celebre raccolta di Achille Minozzi, (oggi Cosenza), che quest’ultimo, in stretti rapporti con Gemito, assemblò con passione e competenza, tra fine Ottocento e inizio Novecento.

L’esposizione documenta anche aspetti poco noti della sua attività, come le piccole sculture cesellate, con ossessiva precisione, in metalli preziosi (oro in particolare), secondo metodi originali di grande modernità ma, al tempo stesso, eredi di una lunga e fortunata tradizione locale che affondava le sue radici fin nell’età ellenistico romana.

Si può affermare senza ombra di dubbio che se Napoli ai tempi della Belle Epoque fu la Parigi d’Italia, Gemito fu il suo Rodin.

Imbevuto di spirito verista egli seppe evocare nei suoi scugnizzi nudi e sornioni dalla pelle combusta dal sole un mondo arcadico e pagano, sensuale e mediterraneo. Si sa che Gemito allo scopo di ottenere la migliore ispirazione possibile teneva a lungo il modello in piedi su di un sasso cosparso di sapone per cogliere meglio l’energia potenziale e poterla poi immortalare nel bronzo (fig. 4); anche nelle repliche lavorava a lungo di cesello per creare una continua vibrazione della luce sulla superficie bronzea. Si rifiutò sempre di lavorare il marmo, mentre fu abile orafo, avendo come cliente la stessa casa reale con opere ancora inedite.

Egli nacque da genitori ignoti, un classico figlio della Madonna, al quale fu assegnato il cognome Gemito per i suoi continui lamenti, una condizione sociale della quale fu sempre fiero, vantandosene per tutta la vita.

Adottato, studiò in varie botteghe, prima lo scultore Caggiano, poi Mastro Ciccio, immortalato in numerosi disegni ed infine da Lista. Quindi insofferente delle eccessive esercitazioni scolastiche e dei convenzionalismi accademici si rifugiò nei sotterranei di S. Andrea delle Dame in uno studio dove nacquero le famose testine di terracotta (fig. 5) ed altre famose opere come il Malatiello ed il Giocatore (fig. 6). Durante questi anni si dedicò all’acquerello ritraendo più volte Matilde Duffaud sua modella ed amante. Si trasferì poi a Parigi per un periodo e morta la sua compagna si ritirò a Capri ove plasmò numerose famose opere come il Filosofo e la Zingara.

Sposò poi Anna Cutolo, donna bellissima, esaltata anche nelle rime di Salvatore Di Giacomo, la quale in passato era stata modella ed amante di famosi artisti, che ne avevano dipinto con estrema poesia e realismo le splendide forme. Ciò scatenò in Gemito un’accesa gelosia ed un feroce rancore verso tutti i colleghi che l’avevano ritratta nature, tra cui anche Domenico Morelli (fig. 7 – fig. 8).

Da allora la sua vita fu a lungo segnata dalla follia, fu ricoverato in una casa di cura, da cui fuggì per ritirarsi a vivere come un eremita nella sua casa di via Tasso, alternando momenti di crisi a giornate di lucidità. Alla fine riuscì a guarire ed a ritornare con accresciuta lena a forgiare piccole sculture in materiali preziosi ed opere anche di un certo impegno (fig. 9).

Visse fino al 1929 apprezzato da una clientela vasta che faceva a gara per avere nel proprio salotto almeno una statuetta da esporre con orgoglio