INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6314
Articoli visitati
4683850
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
4 luglio 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


SINGLE: UNO STATO CIVILE E SOCIALE SPESSO TRASCURATO


domenica 15 maggio 2022 di Silvana Carletti

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

Alcuni nostri visitatori ci scrivono per segnalarci una situazione diffusa di disagio sociale in cui viene a trovarsi una categoria di persone per i più svariati motivi. Si è “single” per scelta di vita, per divorzi e separazioni, per vedovanze e per altre numerose cause.

I recenti avvenimenti che hanno investito, se non travolto, la vita di ognuno di noi (Pandemia, crisi economica, mancanza di lavoro e via dicendo)per fortuna, hanno ricevuto, grazie all’aiuto economico dell’Europa e, soprattutto, al recente PNRR, continui provvedimenti ed incentivi, con “bonus” ad hoc, in aiuto di varie categorie di cittadini che possono trarre dei benefici, anche temporanei, per poter rimediare alla profonda crisi economica in cui l’Italia, come numerosi stati del mondo, è precipitata, all’improvviso ed inaspettatamente.

Mentre, come giusto che sia, nell’elargire bonus, contributi e quant’altro, si antepongono famiglie con figli, spesso, non possono accedere a tali benefici chi vive da solo e deve affrontare spese di sopravvivenza (affitto-consumi-mobilità etc) con un misero stipendio spesso decurtato da assegni di mantenimento (Per separati e divorziati) o, addirittura, chi, da pensionato, deve far fronte a spese insostenibili per cure mediche, farmaci non sempre in convenzione, assistenza domiciliare, aiuti domestici e così via.

Il famoso limite ISEE spesso comprende un numero limitato di persone e capita spesso che, per pochi euro eccedenti, molti cittadini vengano esclusi da aiuti economici e bonus e si trovino in situazioni di estremo disagio.

Pur riconoscendo che è già molto ciò che si sta cercando di fare per sopperire alle continue avversità che, specie negli ultimi anni, hanno coinvolto il mondo intero, (Parlo di disastri ecologici, terremoti, inondazioni ed, ora, persino una guerra inaspettata e disastrosa che ha creato milioni di vittime e profughi), l’appello che rivolge, tramite il nostro giornale, una diffusa categoria di persone è quello di considerare, nei limiti del possibile, anche situazioni civili e sociali purtroppo molto comuni e in aumento nel nostro Paese, categoria che si sente spesso esclusa da aiuti indispensabili per tutti, indistintamente, in questo difficile momento storico.