INFORMAZIONE
CULTURALE
Agosto 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6376
Articoli visitati
4697215
Connessi 5

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
12 agosto 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

DAL DIARIO PERSONALE DI UN ALTO UFFICIALE

di Andrea Forte e Vivi Lombroso
sabato 16 aprile 2022

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

… Ieri sera c’è stata la riunione del Consiglio Militare cui ho partecipato finalmente a seguito della mia recente promozione. Erano anni che sognavo questo momento. Ho sempre pensato che in quella sede si discutessero problemi ed argomenti di tale importanza per il Regno (non a caso quelle riunioni per tradizione sono segretissime, e difatti in milioni di anni non è mai sfuggita una notizia) ma, partecipando, ho scoperto che la situazione reale superava ogni mia aspettativa e, diciamo pure, qualche fantasia.

Effettivamente i problemi dibattuti sono risultati molto più importanti e sorprendenti di quanto potessi immaginare. Accadono cose veramente strabilianti e in qualche caso più che gravi. Ora mi rendo conto perché chi entra nel comando militare viene invitato a farsi condizionare in modo da preferire la morte, anche sotto tortura, piuttosto che svelare i contenuti delle riunioni. Naturalmente ci si può rifiutare al condizionamento, però non si entra in quest’ultimo livello militare.

Resta il fatto che, durante la riunione di ieri, sono emerse alcune situazioni urgenti e drastiche, ma fra tutte una che mi sembra fondamentale. In pratica, e io l’ho saputo solo ieri, gli scontri fra noi e i Successori sono molto più frequenti e cruenti di quanto poi non si finisca col saperne in giro. In realtà ci sono ancora Successori sparpagliati tra le galassie più di quanto non si pensi comunemente. In questo senso non si può parlare di ultime scaramucce con loro, ma ancora di una vera e propria guerra in corso. In questa faccenda c’è una grossa complicazione: questa complicazione è in gran parte coperta dal segreto militare, che neanch’io sapevo fino a ieri, e che mi ha lasciato, a dir poco, esterrefatto.

La mia ammirazione e devozione nei confronti della Casa Reale di Handromeda non solo è nota a tutti e questo mi gratifica, ma mi interessa relativamente: quello che mi importa, invece, sono i miei motivi intimi e interiori per i quali sono da essa praticamente conquistato. Dopo quello che ho saputo ieri però, la mia devozione e ammirazione, ammesso che fossero possibilie, sono diventate sconfinate.

In pratica sono venuto a sapere che da un po’ di tempo a questa parte il Re di Handromeda personalmente è entrato in contatto con Successori, ma si è reso inerme durante tali contatti; essi non lo hanno ucciso come era ovvio che accadesse, ma invece, addirittura, si sono autoeliminati.

In tutti gli altri casi di scontri fra militari Handromediani e i Successori si sono avute, al contrario, battaglie tremendissime fino alla distruzione di uno dei due, e in qualche caso di tutte e due.

Il grave quesito che si viene a porre ovviamente a questo punto è il seguente: perché i Successori che entrano in contatto con tutti, Handromediani, Antaresiani e chi che sia, aggrediscono e combattono strenuamente in un conflitto in realtà senza prigionieri, mentre invece nell’unico caso di incontro con il Re non solo non attaccano e non combattono, ma addirittura optano spontaneamente per l’autoeliminazione ?

D’altro canto è evidente, non possiamo tutte le volte che c‘è un nemico Successore spedirci il nostro R;, se così fosse, dovrebbe schizzare continuamente da una galassia all’altra e forse neppure farebbe in tempo a contattarli tutti e indurli tutti al suicidio. La situazione è impensabile, oltre che ridicola, oltre che ingiuriosa e ingiusta, quindi dobbiamo trovare una soluzione.

Come giustamente i colleghi di più alto grado hanno evidenziato, la soluzione dovrebbe essere: capire prima perché si verifica il suddetto fenomeno, cioè perché con lui si suicidano e con noi combattono invece molto più che valorosamente.