INFORMAZIONE
CULTURALE
Agosto 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6371
Articoli visitati
4695554
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
7 agosto 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


LA DRAMMATICA SITUAZIONE DEGLI SBARCHI


martedì 28 dicembre 2021 di Silvana Carletti

Argomenti: Attualità


Segnala l'articolo ad un amico

Da vari anni si sono alternati nel nostro Paese, governi di forma diversa: da Berlusconi a Letta, a Renzi, a Gentiloni, a Conte, a Draghi, ma nessuno è riuscito a gestire e risolvere il difficile problema dei continui arrivi di gente disperata che cerca, da noi, di poter sopravvivere.

La questione è di grande difficoltà e certamente di difficile soluzione, ma ciò che domina in questo frangente, sono le continue critiche a qualsiasi tipo di soluzione si sia cercata di trovare in tutti questi anni, pur di remare contro.

Soprattutto, infastidisce la presunzione di chi promette facili soluzioni, impossibili blocchi navali che risolverebbero questo disagio: il tutto per criticare i governi passati e presenti, sventolando una ipotetica bacchetta magica, con la speranza di ricevere consensi e voti…

Non prendiamoci in giro: unica soluzione consisterebbe in un accordo tra stati europei, in un dislocamento dei profughi nei vari Paesi, evitando, così, che tutto il carico e l’impegno sia riservato solo all’Italia.

A questo scopo, già precedentemente, si erano attivati premier e ministri italiani di diverse tendenze politiche, ma nessuno è mai riuscito ad ottenere buoni risultati.

Neanche il Prof. Draghi, leader di indiscussa professionalità e di stima generale riesce, attualmente, ad ottenere un valido coinvolgimento dall’Europa…

Inutile, quindi, promettere impossibili soluzioni “fai da te”.

Senza una solida unione tra i vari Stati europei, sarà sempre impossibile risolvere la situazione italiana che, di giorno in giorno, peggiora a scapito e dolore, soprattutto, di chi riesce a sopravvivere in mare ed arriva nel nostro Paese, il più delle volte, disperato e senza una minima speranza di futuro.