INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2021



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5836
Articoli visitati
4592570
Connessi 2050

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
19 ottobre 2021   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


CHI VA A VALENTANO VA VIA SANO E VA LONTANO


sabato 21 agosto 2021 di Silvana Carletti

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

Cinque giorni di inferno per gli abitanti e i villeggianti che si trovavano sulle rive del lago di Bolsena in questi giorni di afa per trascorrere dei giorni di riposo.

Solo dopo queste interminabili giornate di rumore assordante, disordine, sporcizia e mancanza assoluta di rispetto di regole e di convivenza, si è riusciti a far sgombrare un enorme terreno di proprietà privata occupato abusivamente da migliaia di giovani arrivati dal nostro Paese e dall’estero.

Ancora non si è riusciti ad identificare gli “organizzatori” di questo rave che rischia di passare impunito, mentre il pericolo di diffusione del covid potrebbe risultare incontrollabile.

Sembra alquanto strano che, mentre nel resto dell’Italia si rischia una multa per mancanza di green pass o della mascherina, in quel luogo non certo sconosciuto sia stato possibile un ammasso di ragazzi dediti ad alcol e droga che hanno reso impossibile il normale corso della quotidianità di cittadini indifesi.

Dove sono gli “organizzatori” di tale obbrobrio?

Perché non si è proceduto immediatamente all’arresto di chi si dedicava alla diffusione di musica assordante o alla vendita di droga, nascosta persino sulle “pizze con farina di canapa”?

Dopo lo sgombero forzato di tutti i partecipanti che hanno lasciato il campo senza alcuna ammenda, si dice che il successivo appuntamento sia stato già fissato in Albania, in barba a leggi e leggine che, all’occorrenza, ahinoi, si rivelano inefficienti, se non inapplicabili.

Ciò che dovrebbe preoccupare maggiormente sarebbe, comunque, il grado di inciviltà, di disprezzo di ogni regola, di disinteresse assoluto per la vita e i suoi valori che questi “giovani” alimentano e condividono impunemente, a danno di loro stessi, delle loro famiglie e del resto del mondo.