INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2021



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5648
Articoli visitati
4518565
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
17 aprile 2021   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

DAL MOBBING ALLA SVOLTA

Un libro di Sara Abdel Masih
lunedì 22 marzo 2021 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Recensioni Libri


Segnala l'articolo ad un amico

Ovvero come affrontare il mobbing

In un momento drammatico, segnato dalla pandemia che proprio sulle donne picchia forte con numerosi licenziamenti e perdita di posti di lavoro, il libro di Sara Abdel Masih, ci sembra un valido supporto a non demordere e a lottare in modo concreto seguendo il suo coraggioso esempio, nonché strategie da lei suggerite, nell’attesa di una veloce ripresa di tutte le attività lavorative con la sconfitta del Covid19.

In effetti Il libro di Sara Abdel Masih, “Dal Mobbing alla svolta”- Come trasformare momenti difficili in trampolini di lancio, (Ed. Mind) evidenzia precisi obiettivi già nella Prefazione, a cura di Roberto Ceré, direttore della collana “Se vuoi puoi”(nonché executive Coach e Top Manager di aziende leader) che si occupa di programmi formativi e scrive libri, tra i quali emerge per l’appunto “Se vuoi puoi” (Ed Metamorfosi 2011).

Nella suddetta prefazione Ceré si definisce un “allenatore mentale”, divenuto tale dopo aver acquisito la consapevolezza che la nostra vita è influenzata da tre elementi fondamentali, cioè “come pensiamo, come parliamo, come agiamo”, e pertanto è necessario servirsi di opportune strategie per prendere in mano il controllo della nostra vita personale e professionale. Nell’Introduzione, intitolata Una premessa con il botto: la corsa campestre, Sara Abdul Masih ricorda una competizione alla quale aveva partecipato da bambina: pur partendo in svantaggio per una caduta iniziale, era riuscita via via a riguadagnare terreno e a vincere seguendo gli incitamenti della sua “voce interiore”.

Seguono 4 capitoli : 1) Lamia storia;2)La meschinità di Mr. Mobbing; 3)La svolta;$) Il protocollo di soluzione. ciascuno introdotto da significative citazioni. Infine la Conclusione sollecita riflessioni sulla leadership femminile, mentre in Appendice vengono fornite preziose testimonianze.

Nel risvolto anteriore di copertina si legge quanto segue: Nella vita non tutte le cose che facciamo vanno sempre come ci aspettiamo, neanche quando siamo benestanti e soddisfatti della nostra realtà quotidiana. Avere una bella famiglia, una splendida carriera e sentirsi bene nella propria pelle non significa essere automaticamente immuni dalle difficoltà, dai problemi, dai pregiudizi e dalle brutte esperienze. La storia che leggerai in questo libro parla di un fenomeno silente ma più diffuso di quanto non sembri: il mobbing. In particolare quella forma di mobbing che si accanisce spesso e volentieri sulle donne nel mondo del lavoro. Il volume offre un protocollo da seguire e soluzioni pratiche, concrete ed efficaci per tutti coloro che hanno a che fare con questo problema, non soltanto per chi ne è vittima. È importante sapere cos’è il mobbing, imparare a riconoscerlo e a farvi fronte nella maniera corretta, in modo da trasformarlo in una sfida dalla quale uscire vincitori a testa alta” ”Credevo di essere all’apice della mia carriera, avevo tutto: un marito che amavo, tre splendidi figli e un buon lavoro- Sara afferma- Ancora non capivo, o forse non volevo capire che ero caduta nella spirale del mobbing. Giorno dopo giorno, ero sottoposta a continue vessazioni sul lavoro, umiliazioni fini a se stesse, ma che feriscono nel profondo e che finirono col farmi sentire annientata, incapace, totalmente inerme e terrorizzata dal fatto che una mia reazione avrebbe potuto farmi perdere tutto ciò che avevo conquistato e costruito in tanti anni di lavoro. Il mobbing sul lavoro è un fenomeno subdolo, tanto difficile da riconoscere quanto da sconfiggere. Riprendere in mano la mia vita e la mia identità non è stato semplice, per questo ho deciso di diventarne una vera e propria esperta e di raccontare quanto provato sulla mia pelle nel libro “Dal Mobbing alla Svolta”. Un libro che vuol essere un punto di partenza per ispirare e motivare chi è vittima di mobbing con un protocollo che permetta di riconoscere ed elaborare questa forma di bullismo per ottenere la propria svolta”.

Senz’altro un libro coinvolgente quello di Sara Abdel Masih, un libro che si legge tutto d’un fiato, scritto in uno stile semplice e spontaneo, quasi colloquiale, ma allo stesso tempo colto ed elevato in cui emerge non solo il carattere volitivo dell’autrice, ma anche la sua sensibilità radicata in valori irrinunciabili e sincera spiritualità, l’umiltà infine nel riconoscere determinante per la sua vittoria il sostegno di familiari e amici nella sua dura lotta.

Sara ha ottenuto diversi riconoscimenti tra i quali ricordiamo :Premio Milanese dell’anno (2018), Where Milan Award (2018). Nel 2020 le è stato assegnato il Premio Pavoncella, come Donna Manager dell’Anno con la seguente motivazione: “Direttrice dell’Hotel dei Cavalieri e dell’Hotel The Square, due fra le più prestigiose realtà alberghiere di Milano; presidente dell’A.D.A., L’Associazione dei Direttori d’Albergo lombardi, Sara Abdel Masih, madre greca e padre egiziano, vanta, fra i tanti riconoscimenti professionali quello, di Milanese dell’Anno. Alla guida di strutture ricettive rigorosamente a cinque stelle, appartenenti a catene mondiali come “Four Seasons Hotelsl &Resorts” e “Bulgari Hotels & Resorts”, ha saputo conciliare lavoro e professionalità con l’ essere madre a tempo pieno. Da Simone, con cui è sposata, ha avuto tre bambini, tra cui due gemelli. Ma l’impegno in famiglia non le ha impedito di cimentarsi in una nuova sfida con l’apertura di una struttura di categoria inferiore, rispetto a quelle sino a quel momento dirette, con un obiettivo ambizioso : conquistare le “5 stelle”. Il tutto raggiungibile grazie a quel gioco di squadra che l’ha vista cimentarsi, con successo, anche nel beach volley, giocato a livello agonistico , nei circuiti nazionali ed internazionali.

L’epidemia da corona virus che l’ha sorpresa proprio nel momento cruciale della sua seconda vita professionale, ha messo in luce l’innata umanità e generosità. In una delle strutture da lei dirette, Sara Abdel Masih, ha accolto pazienti covid in quarantena, operatori sanitari e medici bisognosi di una “dimora momentanea” per scongiurare l’eventuale trasmissione in famiglia del corona virus. Ai tanti traguardi professionali ne ha aggiunto, proprio in piena pandemia, un altro prestigioso: l’inaugurazione ed apertura al pubblico del “The Roof Milano”- Una Donna che non ha ammainato bandiera, nella certezza che Milano e l’Italia tutta avrebbero superato anche questa drammatica prova.

Ed a Sara Abdel Masih va dunque con pieno merito, per scelta unanime della Giuria, il Premio “Pavoncella” come Donna Manager 2020”.

Giovanna D’Arbitrio

Nel logo: L’Autrice

 



  • DAL MOBBING ALLA SVOLTA
    22 marzo 2021, di Savino De Rosa

    Leggendo il libro di Sara “Dal Mobbing alla Svolta” mi sono emozionato perché ho ritrovato alcuni passaggi della mia vita, rappresentati in un articolo pubblicato da “Scena Illustrata” dal titolo “Sport e Lavoro”.
    L’articolo iniziava con questa riflessione “Nel corso della vita, credo che ogni individuo si sia posto almeno una volta la seguente domanda, perché sono fatto così?
    Pur non avendo vissuto nella mia carriera di manager d’azienda il deprecabile mobbing, in particolare quello al femminile che tanto colpisce il mondo del lavoro, ho vissuto intensamente la competizione cercando sempre di competere lealmente, forte dei miei trascorsi sportivi in età giovanile, che sono una palestra di vita. Ho ritrovato nel libro le sofferenze che si provano quando il confronto non è leale ed é pieno di insidie, trabocchetti ed umiliazioni.
    Con lealtà, con il lavoro di gruppo, con la capacità di integrare che una sana attività sportiva sviluppano si possono perseguire obiettivi ambiziosi, ponendosi traguardi progressivi che vanno perseguiti tappa dopo tappa, e così come nel libro la vicinanza forte degli affetti familiari e quella di amici sinceri, aiuta molto a superare momenti difficili.
    Complimenti alla Top Manager e alla Scrittrice.
    Savino De Rosa