INFORMAZIONE
CULTURALE
Marzo 2021



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5605
Articoli visitati
4494346
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
7 marzo 2021   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


IL VERO MOTIVO DELLA CADUTA DEL GOVERNO CONTE ?

LA LEGGE SULLA PRESCRIZIONE
mercoledì 3 febbraio 2021 di Silvana Carletti

Argomenti: Politica


Segnala l'articolo ad un amico

Abbiamo più volte, negli anni, sottolineato l’alleanza, più o meno evidente di Berlusconi-Renzi, soprattutto intesa, a mio parere, a dividere la sinistra e a difendere attualmente, sotto “mentite spoglie”, l’impunità dell’ex Cavaliere ritardando e boicottando leggi e leggine sulla prescrizione che non gli permetterebbero di ottenere, nel prossimo futuro, l’accesso alla più alta carica dello Stato, con il sostegno assoluto di tutto il centrodestra compatto e compattato ad hoc.

E gli Italiani?

Queste persone, distrutte dal virus, dalla povertà più o meno nascosta, dalla precarietà, dalla perdita del lavoro, se non della vita, contano molto poco, se non nulla.

L’importante è gettare fango continuo contro tutti, alzare la voce, anzi urlare, contro ogni drammatica soluzione che, sfido chiunque, sarebbe per qualsiasi essere umano difficilissima da prendere, con il rischio continuo di sbagliare e di essere ”crocifissi” ad ogni minimo provvedimento o scelta di intervento.

A questo punto, la nomina di una persona di indiscusso valore e di eccezionale figura politica, potrà forse evitare perdite di tempo e chiacchiere infruttuose, giravolte e compra vendite che hanno, da sempre, caratterizzato la storia del nostro Paese, gettando un’ombra scura ed indelebile sul “made in Italy” in generale, con la viva speranza che la legge del più forte, del più potente o prepotente, se non del più astuto, non riesca, ancora una volta, a prevalere.