INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5484
Articoli visitati
4446324
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
26 novembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


IN RICORDO DI GIGI PROIETTI

Il grande attore ci ha lasciato oggi
lunedì 2 novembre 2020 di Silvana Carletti

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

Proprio il giorno del suo ottantesimo compleanno, Gigi Proietti definito da molti “Il più grande attore italiano di questi anni”, ci ha lasciati all’improvviso destando dolore e sgomento in tutti quanti hanno potuto apprezzare la sua arte indiscussa che si diramava in varie dimensioni: dal cinema, al teatro, alla televisione, alla sua “Scuola di Teatro” da cui sono usciti famosi attori quali Enrico Brignano, Gabriele Cirilli, Massimo Wertmuller, Rodolfo Laganà, Chiara Noschese, Pino Quartullo ed altri ancora.

Gigi Proietti è riuscito ad essere nella sua vita contemporaneamente: attore, comico, cabarettista, doppiatore, conduttore televisivo, regista, cantante, direttore artistico e insegnante italiano, con un straordinario ed indiscusso successo.

Un vero “Maestro” amato da tutti, apprezzato anche all’estero e che riusciva a penetrare nei nostri cuori portandovi allegria, leggerezza, buonumore. Non solo, era bravissimo anche nell’interpretazione di ruoli più classici e non necessariamente comici, come avviene per i “Grandi” del teatro passati alla storia.

Un attore poliedrico che amava Roma da sempre e di cui ci faceva conoscere non solo il linguaggio verace e sincero, ma anche il passato, le caratteristiche peculiari dei suoi abitanti, con pregi e difetti, assieme agli usi e i costumi non solo di una città unica al mondo, ma degli uomini, in generale: il tutto con grande ironia ed inarrestabile comicità.

Ci mancherà moltissimo.