INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5117
Articoli visitati
4206822
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
21 novembre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

L’UOMO DEL LABIRINTO

Anteprime Cinema
martedì 29 ottobre 2019 di Silvana Carletti

Argomenti: CINEMA, Film


Segnala l'articolo ad un amico

Il film di Donato Carrisi è tratto dal suo romanzo omonimo e si avvale di due attori eccezionali: Toni Servillo, nel ruolo di Bruno Genko, un investigatore privato che si trova ad affrontare un’intricata storia di delitti e misteri.

Accanto a lui, Dustin Hoffmann, il Dott. Green che rappresenta la chiave di tutto il dramma, appassionato di storie maledette che egli stesso cerca di risolvere penetrando nella mente delle vittime.

Un thriller psicologico che, come afferma Carrisi, “ è una sfida tra due protagonisti; l’uno è la nemesi perfetta dell’altro”.

La competizione tra di loro avviene, però, in maniera diversa; mentre Genko, ormai condannato a pochi mesi di vita, si muove nell’ambiente reale, Green agisce nelle menti degli esseri subdolamente catturati, condannandoli a vagare nel ricordo di un labirinto senza uscita, sottoposti a torture fisiche e psicologiche.

Fino a quando, il ritrovamento, o meglio, la liberazione di una ragazza rapita quindici anni prima, permetterà all’investigatore Genko di scoprire la drammatica realtà, mentre Green guiderà la sua ultima vittima nell’arduo compito di sconfiggere il suo carnefice attraverso una complessa elaborazione mentale da lui gestita tramite la tecnica del ricordo: una tortura finale liberatrice?

Un film ad alta tensione emotiva, della durata di 130 minuti che, a volte, contribuiscono a rallentare l’azione di un thriller originale ricco di colpi di scena, di “trappole per l’inconscio” che catturano lo spettatore.

Nelle sale dal 30 Ottobre