INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5145
Articoli visitati
4221856
Connessi 19

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
8 dicembre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


NIENTE E’ COME APPARE


domenica 29 settembre 2019 di Silvana Carletti

Argomenti: Politica


Segnala l'articolo ad un amico

Ripropongo un mio editoriale del 1° Novembre 2017 che ritengo di grande attualità. Ho sempre sostenuto il legame "renzusconi", certa che il cavaliere abbia sempre visto in Renzi un suo possibile successore. Il tutto in grande segretezza e con la benedizione di Verdini che, a quanto pare, aveva suggerito un nuovo partito comune: " Il Partito della Nazione" o, forse ...... "Italia viva"???

NIENTE E’ COME APPARE

Editoriale Novembre 2017

di Silvana Carletti

mercoledì 1 novembre 2017

Argomenti: Opinioni, riflessioni Argomenti: Politica

L’intesa Renzi-Berlusconi è cosa nota da tempo e il governo del giovane Premier in questi anni ha dimostrato come tale accordo, siglato con “Il patto del Nazareno” abbia diviso il Pd, compromettendone ideali e principi con approvazioni di leggi di destra, atteggiamenti e comportamenti tutt’altro che ispirati a quanto caratterizzava un partito storico, ormai irrimediabilmente compromesso.

Da un anno l’idea della grande coalizione e del Partito della Nazione, , sempre proposti e difesi dall’ex cavaliere, ha riempito le cronache quotidiane, come l’unica soluzione possibile per la governabilità e per il bene di un’Italia sempre più in difficoltà.

Si è lavorato, così, a questo scopo, con l’aiuto di Verdini e di altri simpatizzanti, fino a quando, avvicinandosi le prossime elezioni, si è creduto meglio diffondere notizie contrarie a tale soluzione, rinnegando e rifiutando l’idea di intesa tra la destra e la sinistra unite in “coalizione”.

Nel frattempo, però, si è accelerata al massimo l’approvazione di una legge elettorale, il Rosatellum, criticata da moltissimi studiosi e politici, ma che, comunque, desse ampio spazio al così detto “inciucio.”

In questo modo, si sarebbero evitate defezioni di elettori che, fedeli ai loro principi, non amerebbero certamente un perenne accordo Renzi-Berlusconi e si otterrebbe lo stesso risultato, non figurando in prima persona e con una legge elettorale ad hoc.

Questa non è fantascienza: basti pensare con quanta enfasi ora Renzi e Berlusconi marcano distanze tra di loro con dichiarazioni quasi quotidiane alla stampa accentuando il rifiuto di accordarsi e di coalizzarsi in un futuro governo.

E’ il solito gioco del non apparire e di ottenere ciò che si vuole per vie traverse.

Nel frattempo, l’Italia continua a decadere, a non risolvere gravissimi problemi che non smettono di creare vittime, povertà e decadenza culturale e morale.

Per non parlare dei disastri naturali cui il nostro Parlamento, troppo impegnato a risolvere questioni riguardanti rosatellum, mattarellum ed altri sistemi elettorali, non trova il tempo di provvedere.

Fino a quando durerà questa insostenibile situazione?