INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4577
Articoli visitati
3933113
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
21 ottobre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


AUDACES FORTUNA IUVAT?

EDITORIALE OTTOBRE 2018
lunedì 1 ottobre 2018 di Silvana Carletti

Argomenti: Politica


Segnala l'articolo ad un amico

Il nuovo governo ha dimostrato di avere l’intenzione di rivoluzionare tutto: dalla burocrazia, all’economia, dalle politiche sull’immigrazione, ai rapporti con l’Europa.

I vecchi partiti sono, a dir poco, indignati e continuano a criticare aspramente ogni tentativo di cambiamento definendolo disastroso per l’Italia e per i cittadini.

Purtroppo, a nessuno è dato di avere la sfera di vetro e, sicuramente, i dubbi affiorano anche su chi ha aderito alle idee innovative del governo attuale, stanco di vecchie promesse mai mantenute, affidandosi ad un rivoluzionario sistema che finalmente combatta ingiustizie e privilegi.

Pur avendo l’opinione pubblica contro o quasi, Salvini e Di Mayo continuano per la loro strada, opponendosi alla ben nota immobilità dell’Europa di fronte a problemi gravissimi ed insoluti per anni, quali l’immigrazione, che, ancora oggi, molti Paesi europei si rifiutano di affrontare e risolvere.

Il futuro è imperscrutabile , ma spesso azioni coraggiose, al limite del possibile, hanno risolto situazioni immobili e stagnanti e che sarebbero peggiorate nel tempo.

Certamente il coraggio non manca ai tre giovani leader (Conte, Salvini e Di Mayo) cui è doveroso riconoscere la forza di andare contro corrente, attirandosi critiche ed opposizioni spesso velenose e rischiando il tutto per tutto, in nome di un radicale cambiamento e rinascita di un’ Italia sull’orlo del baratro.

Che dire?

Concediamo loro almeno il merito (per molti l’incoscienza) di cercare di abolire un vecchio sistema che ha scontentato tutti e che ci avrebbe condannato all’immobilismo, se non alla sottomissione e alla dipendenza dagli Stati più forti.

foto affariitaliani.it