INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4556
Articoli visitati
3914060
Connessi 14

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
24 settembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


L’ESTATE STA FINENDO

Editoriale settembre 2018
sabato 1 settembre 2018 di Silvana Carletti



Segnala l'articolo ad un amico

Chi desiderava un’estate tranquilla e di completo relax, probabilmente è rimasto deluso.

Non solo per il tempo che spesso ha fatto i capricci, passando da un’afa insopportabile a bombe d’acqua e temporali con grandine, ma anche per le notizie davvero drammatiche che hanno sconvolto l’opinione pubblica. Prima fra tutte, il disastro di Genova e del ponte Morandi: un evento catastrofico che poteva essere evitato con una maggiore attenzione e, soprattutto con controlli periodici obbligatori per qualsiasi struttura pubblica.

Dopo il crollo, si sono aperte le polemiche con accuse reciproche su passato e presente, mentre i morti venivano sepolti e i superstiti sfrattati dalle loro case…

Non sono mancati altri fatti incresciosi, quali incidenti a ripetizione su montagne e su fiumi: il che dovrebbe insegnarci ad agire sempre con maggiore prudenza onde evitare tragedie dovute spesso ad un eccessivo spirito di sfida verso la natura e le sue leggi.

Anche le scosse telluriche non sono mancate, quasi a ricordarci che ci sono ancora paesi e migliaia di persone in attesa di una dimora decente la cui realizzazione resta ancora bloccata da una inutile e dannosa burocrazia. E gli immigrati? Arrivano ancora navi cariche di esseri umani bisognosi di tutto e la cui sistemazione, a quanto pare, resta esclusivamente a carico dell’Italia…

Viene spontaneo chiedersi: ma quando avverrà un vero cambiamento di rotta, una presa di coscienza del dramma che tutti noi stiamo vivendo in un Paese in cui non funziona quasi nulla ed in cui solo i furbi la fanno franca?

JPEG - 31.3 Kb
Ritorno in ufficio. Foto metalskunik.com

Non basterà certamente la volontà ed il buon senso di pochi per mutare il mondo.

Foto: TGCOM"24 Mediaset metalskunik.it

P.S.

Forse siamo scesi troppo in basso per poter risalire…