INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4666
Articoli visitati
3978506
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
15 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


UN VOTO DI PROTESTA

Grande affermazione del Movimento 5 Stelle e della Lega
lunedì 5 marzo 2018 di Silvana Carletti

Argomenti: Politica


Segnala l'articolo ad un amico

Gli Italiani, stanchi di anni di scandali, poltrone, vitalizi, leggi ad personam, inciuci, ingiustizie di ogni genere, hanno deciso di votare per due partiti di “protesta” intesa come cambiamento radicale dei vecchi sistemi e delle regole che per lungo tempo hanno dominato la scena politica del nostro Paese.

Molti lo hanno definito “salto nel buio”, dal momento che si tratta, specie nel Movimento Cinque stelle, di giovani inesperti e che dovranno governare un’Italia in grosse difficoltà economiche, sociali e morali, ma le intenzioni sembrano ottime e, soprattutto, potrebbe essere giunto il momento di un radicale rinnovamento in nome di un entusiasmo e di una volontà di fare spesso sconosciuti a chi si trascina da anni in un sistema in cui contano di più i propri interessi che quelli degli Italiani.

Ora il problema sarà trovare le alleanze giuste e non essere costretti a perdere tempo prezioso ritardando il lavoro di un Parlamento che si ritroverà, comunque, ringiovanito.

Le ipotesi si sprecano: chi sostiene una possibile alleanza Cinque stelle- Lega, chi pensa, invece, ad un patto con il PD.

D’altra parte, la cosiddetta Coalizione che non è mai stata unita, dati i differenti punti di vista sulla legge Fornero, su di un accordo con il PD (il famoso renzusconi), si troverà a confrontarsi su temi fondamentali per una possibile intesa, anche perché Matteo Salvini non rinuncerà sicuramente al suo ruolo di leader…

Solo nei prossimi giorni si conoscerà meglio il nostro futuro; nel frattempo, gli Italiani con la loro rinnovata partecipazione al voto, ci hanno dimostrato un lodevole interesse e amore per il loro Paese e la voglia di riportare l’Italia al ruolo d’importante nazione in Europa e nel mondo, ruolo che sembrava oscurato negli ultimi tempi.

foto da Repubblica