INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2017



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 1883
Brevi on-line  2156
Articoli visitati
3699088

Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
CINEMA
SPETTACOLO E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-17 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
1 ottobre 2017   e  
22 ottobre 2017



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


COME DA COPIONE


martedì 1 agosto 2017 di Silvana Carletti

Argomenti: Attualità
Argomenti: Politica


Segnala l'articolo ad un amico

Era prevedibile e l’ho ripetuto più volte: continua l’accordo, più o meno manifesto, tra l’ex cavaliere e Matteo Renzi (il famoso renzusconi) che, già da tempo, secondo la mia opinione, avevano progettato un sistema elettorale e politico che portasse ad un “governo di larghe intese” in modo l’ex cavaliere potesse, comunque, tornare manifestatamente al governo.

Dopo aver diviso il Partito Democratico in modo irreparabile, in base al famoso detto “divide et impera” o, meglio, “Se non riesci a sconfiggere un nemico, fattelo amico” , ora, Berlusconi mira ad una futura alleanza con il Pd e poichè anche per Renzi, non saranno sufficienti i voti che riuscirà ad ottenere alle prossime elezioni senza il totale appoggio del partito democratico unito, si chiuderà un nuovo cerchio magico che non sarà più “gigliato”, ma comprensivo della destra e dei partitini che, in fretta e furia vi aderiranno. A quanto pare, lo stanno già facendo….

Quali?

Da Casini ad Alfano fino a Verdini che creò, a suo tempo, un gruppo proprio, ALA , per determinare scelte e votazioni, fino a Giorgia Meloni e a Matteo Salvini che, probabilmente, sarà “costretto” ad accettare una posizione scomoda, pur di continuare a lottare per le proprie idee.

JPEG - 10.3 Kb
MATTEO RENZI

Così, ancora una volta, il potere economico e mediatico di una sola persona riesce a vincere su tutti, al solo scopo di ritornare al potere e a quanto ne consegue. Finchè arriverà un giorno, (spero che ciò non avvenga mai), in cui vedremo l’ex cavaliere presidente della Repubblica e Renzi Presidente del Consiglio….(sic!)

Nonostante la sua età avanzata (e che si vede tutta), B. non manca certo di idee e di trovate, come quella del partito “animalista”, conoscendo la vasta platea italiana di cittadini che amano gli animali e che vorrebbero difenderli e proteggerli.

E che dire del libro già edito su di lui e il prossimo film di Sorrentino sulla sua vita? Stendo un velo pietoso sulle sue riviste di gossip che non subiscono crisi e sui quotidiani e libri di sua proprietà, oltre alle reti televisive la cui esistenza non è mai stata sfiorata da alcun conflitto di interessi.

Naturalmente, seguiranno, a raffica, slogan di promesse fantasmagoriche, come il famoso milione di posti di lavoro che gli procurò, a suo tempo, molti voti, fino alla rinnovata salita sul predellino, avvenuta in questi giorni.

La paura, o meglio, il terrore di una grossa affermazione del Movimento 5 Stelle provoca anche questo, mentre non si pensa minimamente alla sopravvivenza del nostro Paese stremato da terremoti, siccità, povertà sempre più diffusa, disoccupazione, amoralità, scandali, mancanza di interessi culturali e da indifferenza verso problemi enormi, quali l’immigrazione e i ripetuti episodi di violenza.

E l’Europa? Resta a guardare….

JPEG - 4.4 Kb
BERLUSCONI E RENZI

Spero vivamente che gli Italiani ricordino i venti anni trascorsi e che valutino con obiettività fatti ed avvenimenti, evitando di cadere in false promesse, aderendo e approvando un drammatico copione già vissuto e sofferto.

 



  • COME DA COPIONE
    3 ottobre 2017, di sandro meardi

    E’ lui, gentile Sig.ra Carletti. Proprio lui: il belzebù della c.d. 2^repubblica, come Scalfari ebbe a definire tale nella 1^, Andreotti. Gli italiani hanno sempre avuto memoria corta ed alla bisogna renderli smemorati del tutto, con qualche promessa mediaticamente ben presentata, è gioco da ragazzi per un affabulatore come l’ex cavaliere. Questi ha fatto proseliti più di quanto certi patti di nazarena memoria possano lasciar pensare e lo sgarbo quirinalizio di allora è acqua passata: rosatellum docet.