INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2017



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 1864
Brevi on-line  2105
Articoli visitati
3685672

Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
CINEMA
SPETTACOLO E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-17 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
13 settembre 2017   e  
20 settembre 2017



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: CULTURA


Camile Claudel (Ed. L’asino d’oro 2016)

LA VITA DELLA SCULTRICE, AMANTE DI RODIN, TRA AMORE, ARTE, RIBELLIONE E FOLLIA

Una vittima di pregiudizi e maschilismo
sabato 1 luglio 2017 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Recensioni Libri
Argomenti: Personaggi famosi/storici
Autore del Libro : Anna Maria Panzera


Segnala l'articolo ad un amico

Candidato al Premio Pavoncella 2017 per la narrativa, anche se non ha conseguito alcun premio, il libro di Anna Maria Panzera “Camille Claudel” è comunque degno di nota come interessante biografia di una figura femminile complessa, specchio della condizione femminile in Francia tra ‘800 e’900.

Significativa la scheda di presentazione elaborata dalla casa editrice che scrive quanto segue: “In un contesto straordinario e contraddittorio come quello tra Ottocento e Novecento dove ‘normali’ difficoltà intralciavano la realizzazione dell’identità femminile, Camille Claudel riuscì ad affermarsi ritagliando uno spazio d’azione inedito e non piccolo all’arte e alle donne.

Questa biografia ripercorre la vicenda della scultrice soffermandosi con sguardo critico sugli anni della sua stagione creativa, alla luce di alcuni snodi esistenziali che la influenzarono fortemente: il  problematico rapporto con la famiglia, in cui s’intrecciarono istanze culturali e complessità patologiche; la storia d’amore e odio con lo scultore Rodin, egocentrico e geniale; il legame con il fratello Paul, esponente di rilievo di un cattolicesimo intransigente allora assai attivo in Francia; la malattia mentale e l’internamento in manicomio, che forse ostacolarono la completa maturazione del suo percorso artistico.

JPEG - 5.6 Kb
Anna Maria Panzera

L’autrice, con dovizia di particolari e argomentazioni, vuole dar conto dell’unicità di Camille Claudel, aprendo spiragli di ulteriore comprensione su una figura complessa il cui ruolo, nella Francia della Belle Époque, merita di essere meglio precisato”.

Il libro, in effetti, oltre ad essere un’accurata biografia, è un vero e proprio “spaccato d’epoca” sulla fine Ottocento in Francia, nella quale si svolse la vita drammatica di Camille Claudel. Oltre a descrivere la storia della donna artista, l’autrice si sofferma sul contesto familiare e culturale, sulla relazione sentimentale con il celebre Rodin, alla ricerca delle cause che condussero Camille alla presunta follia: il legame con il padre, la cui morte coincise con il suo internamento a vita in manicomio, voluto in particolare dalla madre; la relazione d’amore e odio con lo scultore Auguste Rodin, un maschilista dal quale ebbe in dono forse figli mai riconosciuti e sicuramente aborti; il rapporto con il fratello Paul, esponente di rilievo di un cattolicesimo chiuso e ortodosso che gli fa vedere la genialità della sorella come malattia psichica. Lo stile è scorrevole ed elevato, pur senza inutili e pretenziosi sfoggi culturali.

JPEG - 18.2 Kb
Auguste Rodin
JPEG - 19.4 Kb
Camille Claudel
JPEG - 16.3 Kb
Paul Claudel

Dai cenni biografici sull’autrice di apprende che Anna Maria Panzera è insegnante e storica dell’arte, collabora con varie istituzioni museali ad attività di ricerca, didattica dell’arte e formazione: dal1988 al 1992 a Lecce, nel Museo Provinciale Sigismondo Castromediano e nella Pinacoteca d’Arte francescana “Roberto Caracciolo”; a partire dal 2004, con i Servizi educativi di Palazzo delle Esposizioni e Scuderie del Quirinale di Roma. In questo contesto ha preso parte alla pubblicazione del secondo volume della collana Educare all’Arte, a cura di Cristina Francucci e Paola Vassalli (Electa,Milano 2009).

Oltre a numerosi articoli su periodici e riviste scientifiche, ha pubblicato Caravaggio e Giordano Bruno fra nuova arte e nuova scienza. La bellezza dell’artefice (Fratelli Palombi Editori, Roma 1994) e La basilica di S. Cecilia in Trastevere (Nuove Edizioni Romane, Roma 2000), Caravaggio e Giordano Bruno e l’invisibile natura delle cose (L’Asino d’oro edizioni).

P.S.

Per maggiori informazioni su vita ed opere di Camile Cladel si consiglia di visitare il seguente sito: https://it.wikipedia.org/wiki/Camille_Claudel