INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4374
Articoli visitati
3829678
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
21 aprile 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Articoli nella Rubrica

CULTURA dell'anno 2018

Riflessioni non solo filosofiche

Articoli degli altri anni

Sulla morte. Considerazioni sul possibile Oltre, La Parola edizioni, 2017
Uno sguardo sull’Oltre.
Riflessione sulla vita sfuggente
domenica 1 aprile 2018 di Andrea Comincini
C’è un appuntamento a cui nessuno di noi può mancare: un giorno, in un momento qualsiasi, consapevoli o meno, dovremo pagare il dazio a colei che si presentò nel momento stesso in cui un medico picchiò lievemente la nostra schiena per farci piangere e respirare: la grande mietitrice, la “nera morte”, verrà a chiederci indietro il credito ancestrale. Sarà un buio eterno, precipiteremo nell’Ade, ovvero nel A-IDES, il luogo dove non si vede, oppure una Luce infinita (...)

Nel segno di {Quo vadis}?, L’erma di Bretschneider, 2017
L’ARTE ISPIRATA AL QUO VADIS
La Roma neroniana ha ispirato non solo il grande scrittore Sienkiewicz, autore del {Quo vadis?}, ma anche diversi artisti polacchi, tra cui Siemiradzki, Styka e Smuglewicz, che predilessero i soggetti di ambientazione romana.
giovedì 1 febbraio 2018 di Nica Fiori
ll romanzo Quo vadis?, che ha fatto vincere al suo autore Henryk Sienkiewicz (1846-1916) il premio Nobel per la letteratura nel 1905, è indubbiamente un’opera che ha lasciato il segno, proprio come, secondo una leggenda, Cristo avrebbe lasciato il segno, ovvero le sue impronte, sul selciato della via Appia antica, dove San Pietro lo avrebbe incontrato poco prima di essere crocifisso nel corso della persecuzione dei cristiani sotto l’imperatore Nerone. Il libro del polacco Jerzy (...)