INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5432
Articoli visitati
4426495
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
1 ottobre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


LA CORRUZIONE DILAGANTE HA SDOGANATO FURTI E FURTARELLI

Proprio così… Purtroppo…
mercoledì 1 aprile 2015 di Silvana Carletti

Argomenti: Attualità


Segnala l'articolo ad un amico

Nella vita di ogni giorno ci accadono cose inaspettate, piccoli o grandi inconvenienti, perdite di denaro spesso procurateci da chi si crede più furbo di noi e che approfitta della nostra buona fede.

La crisi enorme che ci ha investito, ha reso la vita del ceto medio e dei più bisognosi in uno stato di prostrazione; non solo: molte ditte e società, negozi, alberghi e ristoranti hanno dovuto chiudere i battenti ed affrontare sacrifici estremi per cercare di sopravvivere in attesa di tempi migliori che tardano a venire…

E così, spesso, ci si approfitta della distrazione degli altri per raggranellare qualche euro che sommati, in una giornata intera, possono procurare una discreta riserva di denaro.

Per questo, abbiamo raccolto delle esperienze più o meno veritiere su piccoli furtarelli.

Molto spesso le offerte con sconto dei supermercati non vengono registrate alle casse o viene ripetuto due volte il prezzo di uno stesso prodotto. Quando l’utente se ne accorge (ammesso e non concesso, data la dinamicità della vita moderna) non si ha il tempo e la voglia di ritornare nel negozio per reclamare pochi euro di sconto e si finisce per pagare quanto ingiustamente registrato.

I rifornimenti di benzina a volte non corrispondono alla cifra pagata. Sta all’utente fare attenzione e verificare i litri di carburante effettivamente erogati.

Controllare poi il resto di denaro dato in monete; spesso mancano dei centesimi o degli euro che non si è al momento, conteggiati.

Persino negli Uffici Postali bisogna controllare i conti correnti pagati poiché con le nuove disposizioni, non viene più rilasciata una parte del modulo, sostituita da un timbro poco visibile. E’ capitato, davanti a me, che un signore anziano si è accorto di aver pagato 2 volte lo stesso bollettino!! A tale proposito, consigliamo di scrivere a grandi lettere la parola “pagato”, una volta in possesso del conto corrente timbrato che ci servirà da ricevuta.

Spesso nei negozi si finge di non avere più a disposizione un prodotto e ci viene offerto un altro dello stesso tipo, ma di prezzo superiore…

Nei ristoranti, capita che il vino ci viene portato a tavola sia contenuto in una bottiglia aperta; ciò rende impossibile al cliente verificarne l’autenticità e la freschezza.

Non parliamo poi dei prodotti alimentari alterati, falsificati e dall’origine incerta che riempiono bancarelle e mercati.

Dovremmo fare attenzione a tutto ma, il più delle volte, il poco tempo a disposizione che abbiamo specie nelle grandi città, non ci permette controlli a tappeto e poi, siamo portati generalmente a fidarci del prossimo.

Purtroppo la fame, l’indigenza e la mancanza di un benché minimo aiuto, spingono alcune persone al furto, alla rapina e alla violenza: esempi che prolificano di giorno in giorno.

Ma non è sempre la povertà la spinta a delinquere: il più delle volte è lo sfrenato desiderio di arricchimento, di potere, di lusso incondizionato che porta persone benestanti e ultra retribuite a volere sempre di più, a rubare e ad approfittarsi della propria posizione a danno della comunità, senza alcuno scrupolo.

Difficilissimo sarà combattere o sconfiggere tale realtà che, specie nel nostro Paese, si rinnova ciclicamente, in barba ad una popolazione che è talmente stremata e delusa da non credere più nelle istituzioni.