INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5428
Articoli visitati
4426040
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
30 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EVENTI


FORUM UNIVERSALE DELLE CULTURE IN CAMPANIA

Un significativo evento culturale globale di cui si parla poco
lunedì 1 dicembre 2014 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Luoghi, viaggi
Argomenti: Mostre, musei, arch.


Segnala l'articolo ad un amico

La prima edizione del Forum Universale delle Culture si svolse a Barcellona nel 2004, la seconda ebbe luogo a Monterry (Messico) nel 2007, la terza a Valparaiso (Cile) nel 2010.

JPEG - 10.6 Kb

Nel 2013 questa importante manifestazione globale è giunta in Italia, in Campania, dove resterà fino al 30 dicembre 2014. Il 18 novembre 2013 a Napoli si è tenuta la cerimonia ufficiale di inaugurazione del significativo evento sostenuto dalla Regione Campania, dal Comune di Napoli e dai Comuni sedi dei siti dell’UNESCO (Caserta, Benevento, Pompei, Ercolano, Ascea, Paestum, Ravello).

Spostandosi periodicamente in città e territori diversi, il Forum mira a stimolare l’attenzione sui temi del dialogo tra popoli, culture, lingue e religioni diverse, nonché del pacifico sviluppo umano attraverso il rispetto delle differenze.

Considerare la “Diversità” come opportunità di arricchimento e crescita della società civile a livello internazionale ci sembra davvero un’ encomiabile iniziativa da incoraggiare e propagandare, in opposizione ai pericoli dell’ attuale globalizzazione economico-finanziaria, strumento di “Omologazione” che distrugge preziose identità culturali, patrimoni archeologici e paesaggistici, tradizioni e millenarie attività artigianali e agricole per fortuna ancora radicate nel tessuto sociale di tanti paesi, ma destinate a sparire se non verranno protette.

JPEG - 13.3 Kb

A Napoli e in tutta la Campania pertanto si sono svolti (e ancora si svolgeranno fino alla fine di dicembre) centinaia di eventi disseminati in ogni luogo: musei, teatri, biblioteche, ma anche piazze, strade, chiostri, chiese, castelli e siti archeologici e monumentali. Agli eventi hanno aderito le più originali realtà artistico-culturali del territorio e autorevoli intellettuali e studiosi di varie discipline, dalla cultura umanistica a quella scientifica, creando numerose occasioni di riflessione sui temi del Forum, focalizzati su 5 punti essenziali:

JPEG - 11.3 Kb
  • PACE, da raggiungere riflettendo su conflitti del mondo contemporaneo e diseguaglianze tra Nord e Sud del mondo.
  • CONOSCENZA, per promuovere crescita culturale e civile di cittadini e comunità, valore irrinunciabile per lo sviluppo delle società contemporanee attraverso “sapere” ed eccellenze scientifiche e culturali.
  • DIVERSITA’ CULTURALE, come risorsa per la crescita sociale nell’era delle grandi migrazioni internazionali, con l’obiettivo di sviluppare una conoscenza reciproca tra popoli e culture diverse e promuovere società realmente interculturali.
  • SVILUPPO SOSTENIBILE, nel rispetto dell’ambiente e del pianeta Terra per focalizzare l’attenzione sulla necessità di un uso consapevole delle risorse naturali in un’era in cui si rischiano processi degenerativi negli equilibri eco-climatici del pianeta.
    JPEG - 19.2 Kb
  • MARE, tema aggiunto per questa edizione dalla città di Napoli, inteso come Mar Mediterraneo e come dialogo interculturale e interreligioso, mobilità, turismo, scienza e ricerca.

Tra le attività del Forum, si è rivelato particolarmente interessante per i giovani “L’Accampamento della Pace”, organizzato in collaborazione con le Nazioni Unite e i governi di diversi paesi. Esso riunisce un centinaio di ragazzi, fra i 13 e 14 anni, provenienti da dieci città del mondo che pur avendo subito conflitti sociali, culturali, economici, si sono distinte per solidarietà e cooperazione allo sviluppo condividendo esperienze e progetti. Ogni Accampamento ha una durata di 10 giorni durante i quali si realizzano attività (dibattiti con esperti locali, workshop, giochi ecc.) su temi come sviluppo sostenibile, uguaglianza, rispetto, democrazia partecipativa e cooperazione, temi che consolidano la rete internazionale che si espande ad ogni nuova edizione: senz’altro uno spazio dove ragazzi di tutto il mondo si confrontano attraverso il dialogo, il rispetto e l’apertura ad altre culture, uno momento per conoscere, discutere, confrontarsi e trovare convergenze, un’esperienza per imparare a costruire un mondo migliore dove è possibile la risoluzione dei conflitti senza violenza.

JPEG - 11.3 Kb

Stranamente Napoli che è tutti i giorni in Tv e sui giornali quando si tratta di criminalità o spazzatura, per il Forum Internazionale (come per altri rilevanti incontri e attività culturali) non ha destato l’interesse dei mass media , poiché in effetti tutto ciò che è positivo in Campania non “fa notizia”.

JPEG - 13.7 Kb

Eppure Napoli, città meravigliosa, che meriterebbe di essere protetta come “Patrimonio dell’Umanità”, anche se spesso sembra essere abbandonata da Dio e dagli uomini, fa i salti mortali per sopravvivere e restare culturalmente “viva”, malgrado tutto.

Speriamo che almeno in questi ultimi mesi del 2014, magari nel periodo natalizio, i turisti vengano a Napoli per partecipare alle numerose iniziative culturali, incluse quelle del Forum segnalate sul sito www.forumculture.org e in particolare nella pagina relativa al mese di dicembre, http://www.forumculture.org/programma-eventi.cfm?mese=12