INFORMAZIONE
CULTURALE
Giugno 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5311
Articoli visitati
4372519
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
1 giugno 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EVENTI


Un “Santuario” per i cetacei

LA REGATA DEI CETACEI

Edizione 2006
giovedì 2 febbraio 2006 di Silvana Carletti



Segnala l'articolo ad un amico

Non tutti sanno che esiste un posto magico, uno spazio marino ancora incontaminato, ove vivono balene, delfini e capodogli. E’ il “Santuario dei cetacei”- che si trova nel nostro mare, tra Viareggio e il Principato di Monaco. Si tratta di un’area protetta di circa 100.000 Kmq, ove questi splendidi esemplari marini possono essere avvistati. Proprio per permettere a tutti, specie ai giovani di poter ammirare una fauna così rara e preziosa, sono state istituite delle “regate” , uno evento sportivo ricco di esperienze uniche ed indimenticabili. - Le balene e i grandi cetacei sono creature che fanno parte dell’immaginario collettivo dell’infanzia e che ognuno di noi conserva, dentro di sè con particolare affetto e nostalgia.

L’idea della regata risale all’anno 2003, quando Fabrizio Tellarini e Giovanni Soldini pensarono di istituire una competizione velica per imbarcazioni lungo il percorso Viareggio-Isola di Tino-Giraglia-Viareggio,attraverso il mitico “Santuario dei cetacei”. Tale iniziativa si concretizzò nel 2004, grazie all’intervento organizzativo del Circolo Vela Mare che intendeva far conoscere anche ai giovani le risorse faunistiche che vivono in questo lasso di mare: circa 6000 grandi cetacei e 20.000 mammiferi marini. L’edizione di quest’anno, voluta sempre dal CIRCOLO VELA MARE ASD, si avvale della collaborazione , dell’ACCOBAMS, Yacht Club di Monaco, dell’UISP, di Euromedia e di altre associazioni sportive e si svolgerà dal 31 Marzo al 2 Aprile.

Inoltre, Viareggio e il Principato di Monaco organizzeranno regate in contemporanea, unite ad attività culturali, quali convegni e concorsi per le scuole. Le rotte saranno 5 e si svolgeranno nei giorni sabato 1 e domenica 2 Aprile con diversi percorsi: “Rotta delle Balene” (Viareggio-Tino-Giraglia-Viareggio);”Rotta dei delfini” (Livorno-La Spezia); “Route des Cetaces” (Principato di Monaco-Giraglia-Viareggio); “Rotta dei tursiopi” (tra Pisa e La Spezia);”Rotta dei Globicefali” (Viareggio).

Inoltre, in occasione del X Anniversario di ACCOBAMS, il 30 Marzo allo Yacht Club del Principato di Monaco verrà realizzato il convegno su “Conoscenza e riconoscimento dei cetacei:sessione di formazione per gli operatori del mare”. Il progetto didattico, invece, prevede l’evento del 31 Marzo che si terrà a Monaco: la veicolazione della conoscenza tramite la dimensione ludica, cioè la possibilità di imparare giocando. Con il supporto di uno specialista del GREC (Groupe de recherche sur le Cétacés), partner di ACCOBAMS e di strumenti audiovisivi, i bambini riceveranno informazioni di base sui cetacei. - In seguito, verrà loro presentato e distribuito il gioco “Accobams”, realizzato grazie al contributo del Ministero italiano dell’Ambiente: un gioco in 6 lingue, per permettere a molti di parteciparvi. A Viareggio, in contemporanea con il Principato di Monaco, si terrà , il 31 Marzo, il convegno organizzato dal CE.TU.S., dal titolo “Il Santuario dei Cetacei, navigare tra delfini e balene. Sarà promosso, inoltre, il Concorso espositivo “Il Santuario dei cetacei rappresenta la vita di delfini e balene”, iniziativa rivolta alle Scuole di ogni ordine e grado, al fine di sensibilizzare i giovani all’ambiente marino. I vincitori del concorso riceveranno come premio la partecipazione al progetto didattico CETUS, con una giornata di avvistamento di delfini o balene, in compagnia di biologi marini.

Tutte queste iniziative, in accordo con le Nazioni Unite, mirano alla conoscenza dei cetacei per ridurre le minacce che potrebbero comprometterne la conservazione. In un mondo colpito da un inarrestabile inquinamento, l’amore e il rispetto della fauna e della flora del nostro habitat dovrebbe essere la principale preoccupazione di ogni individuo, responsabile, spesso, del suo degrado e del suo deturpamento. Cetacei del Mar Mediterraneo

Silvana Carletti

Conferenza stampa di presentazione della "Regata dei Cetacei" (Montecarlo - Viareggio)

E’ stata organizzata il primo febbraio 2006 all’Ambasciata del Principato di Monaco una conferenza stampa per presentare la "Regata dei Cetacei" e le azioni italo-monegasche in materia di protezione dell’ambiente marino nel Mar Mediterraneo.

L’Ambasciatore del Principato di Monaco, Henri FISSORE, ha salutato le personalità presenti, in particolare il Dott. Mauro ROSSI, Assessore alle politiche portuali del Comune di Viareggio, ed il Dott. Massimo AVANCINI, Dirigente al Servizio Conservazione della Natura del Ministero italiano dell’Ambiente, ed ha sottolineato il grande interesse del Governo monegasco per la preservazione dell’ambiente marino.

S.E. Henri FISSORE ha ringraziato in particolare la Presidente dell’Associazione Euromedia, la Dott.ssa Francesca PAGNOTTA, e suo marito, il Dott. Fabrizio BUFFA, all’origine di questa regata tra Montecarlo e Viareggio e del progetto Talassa che prevede a Monaco ed in Italia pubblicazioni, conferenze e dvd sulla preservazione dell’ambiente marino.

L’Ambasciatore ha ricordato che il Principato di Monaco accoglie sul suo territorio il segretariato della Commissione Internazionale per l’Esplorazione Scientifica del Mar Mediterraneo (CIESM), dell’Accordo RAMOGE (tra Saint-Raphael, Monaco e Genova), della Convenzione ACCOBAMS e del Santuario per i Mammiferi Marini. Ha insistito molto sulla collaborazione italo-monegasca in questo campo e sull’impegno personale di S.A.S. il Principe Alberto II che ultimamente è andato a visitare in Sicilia due navi oceanografiche del Consiglio Italiano della Ricerca che iniziavano una spedizione nel Mar Tirreno con esperti monegaschi.