INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5484
Articoli visitati
4446319
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
26 novembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

BORGHETTO FLAMINIO: UNA DOMENICA DIVERSA

Aperto tutte le domeniche dalle 10 alle 19
giovedì 22 ottobre 2020 di Comunicato Stampa

Argomenti: Società


Segnala l'articolo ad un amico

Piazza della Marina 32 – Roma Creativitalia tel. 065880517 – 065817308 – 065810734 Email: borghetto.flaminio@hotmail.com

In tempo di Coronavirus, non possiamo rinchiuderci sempre in casa. Con tutte le protezioni possibili, è piacevole potersi recare tra le numerose e colorate bancarelle di Piazza della Marina 32 che offrono il meglio di ogni tipo di articoli, dal moderno, all’antiquariato. Il celebre Borghetto Flaminio è all’avanguardia per la vendita di oggetti di primissima qualità e di grande pregio artistico, a prezzi davvero convenienti.

Niente di più piacevole, quindi, che fare una visita in questo multiforme mercatino, per distrarsi, curiosare e, soprattutto, trascorrere una domenica diversa dal solito.

Qualche notizia su questo inimitabile Mercatino dell’usato.

Lo storico Mercatino del Borghetto Flaminio di Piazza della Marina 32 è arrivato con successo alla sua 26° stagione. E’ il più antico e il più trasversale dei mercatini amatoriali di Roma e come da tradizione dà appuntamento agli appassionati di bric-à-brac Domenica 25 ottobre e tutte le domeniche a seguire tra vestiti e accessori vintage, complementi di arredo e piccolo antiquariato nei suoi padiglioni al coperto e all’aperto con tanti stand pieni di oggetti rari e curiosità. Gli stand sono sotto una tettoia o sotto dei gazebo: essendo all’aperto e sanificato, il Mercatino del Borghetto Flaminio è un luogo molto sicuro. Ovviamente agli espositori e ai visitatori è consentito l’accesso solo se muniti di mascherina. All’entrata (ingressi organizzati in sicurezza) sono a disposizione igienizzanti per le mani e anche un vaporizzatore per abiti e accessori. Tra gli stand è stata creata la distanza richiesta dalle normative anti Covid-19. Nessuno quindi rinuncia alla passeggiata domenicale tra abiti creati da famosi stilisti d’epoca e collezioni (cappotti, giacche, impermeabili) di qualche stagione fa, vecchie scatole di latta colorate, dischi in vinile, souvenir esotici, bijoux americani e molto altro ancora. Come le iconiche borsette vintage (comprese le Kelly, le Jackie, le baguette Fendi, i bauletti Vuitton e le introvabili Roberta di Camerino in velluto con effetti trompe-l’oeil), cinture anni ’70 e ‘60, scarpe da uomo, sneaker messe una volta (Balenciaga, Nike, Adidas), stivali e stivaletti, pumps da sera, bomboniere kitsch e regali di nozze old fashion, servizi da tè, lampade di modernariato, candelieri, posate inglesi, vasi di vetro di Murano, porcellane di Capodimonte, bottiglie di profumi rari, foulard di seta (Hermès, Gucci, Ferragamo, Celine), sciarpe e pashmine di cashmere ricamate, occhiali da sole, valigie e bauli dei viaggiatori d’antan, cuscini etnici, tappetti dell’Asia Centrale, tovaglie e corredi della nonna, giocattoli, rosari di madreperla e vecchi merletti, telefoni d’epoca, cornici e stampe di vedute romane, specchi inizio secolo, vecchie targhe di automobili, piccole opere d’arte e stravaganti chincaglierie di ogni genere dal sapore un po’ dannunziano. Difficile non lasciarsi tentare dagli ottimi prezzi e dalle curiosità introvabili altrove. Difficilissimo tornare a casa a mani vuote…

Per un break in relax e un rapido lunch dopo animate contrattazioni e piccoli affari, non manca l’angolo gourmet: “Er Cimotto”, il food truck con tavolini all’aperto dello storico ristorante romano Checco Er Carrettiere tra tramezzini, pizzette e menu’ del giorno come zuppa di lenticchie, riso basmati, pollo al curry con verdure, spezzatino con funghi, polpette al pomodoro, esclusivamente con ingredienti bio.

Il Mercatino del Borghetto Flaminio, nato 26 anni fa da un’idea dei collezionisti di abiti storici Enrico Quinto e Paolo Tinarelli, è un mix tra Portobello market e un souk occidentale nel cuore della Capitale dove spesso vengono ospitati stand a favore di Onlus e progetti umanitari. E’ una sorta di salotto all’aperto cosmopolita come i flea market internazionali, un divertente e imperdibile mercato delle pulci che attrae tanti visitatori e habitué tra cui celebrity americane, volti noti, intellettuali, artisti, designer, top manager, trend-setter, dandy, influencer, blogger e socialite. L’idea di diventare rigattiere per un giorno affascina ogni settimana centinaia di persone che si mettono in fila per prenotare il proprio banchetto e disfarsi così di tutto ciò che ingombra armadi, soppalchi, cantine e garage e magari fare la gioia di qualche originale collezionista in cerca proprio di “quell’oggetto”.

La mattina e la sera, un servizio di fattorini è a disposizione degli espositori per il trasporto degli oggetti esposti. Il costo di uno stand è di 92 euro (Iva inclusa), prenotabile dal martedì al giovedì in orario di ufficio ai numeri di Creativitalia: 065880517 – 065817308 – 065810734 – Email: borghetto.flaminio@hotmail.com o direttamente al mercatino la domenica pomeriggio dalle ore 15 alle 18.

Il biglietto d’ingresso al pubblico è di euro 1,60.