INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4663
Articoli visitati
3977847
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
14 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

STANDING OVATION PER FABRIZIO CORONA

A "VERISSIMO"
sabato 10 novembre 2018 di Silvana Carletti

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

Non ci si deve più meravigliare se i giovani d’oggi hanno smarrito il senso del dovere, l’amore per lo studio, per il lavoro, per la famiglia… Valori passati di moda e fuori del tempo.

I modelli da seguire e cui ispirarsi sono quelli che ci propinano i media dal mattino alla sera: personaggi che, grazie a un certo carisma o savoir- faire, raggiungono con la massima facilità successo e, soprattutto, denaro in abbondanza.

Basta cogliere il momento giusto o incontrare la persona giusta per farsi strada e farsi conoscere.

I mezzi?

Innanzi tutto i social, poi la pubblicità, la Tv, Internet e così via…

Altro che studiare e sgobbare per ottenere un diploma o una laurea che, alla fine, non permettono di trovare un lavoro il quale, innanzi tutto, non deve essere troppo faticoso ed impegnativo….

I modelli cui si ispirano la maggioranza dei ragazzi del nostro tempo sono sempre gli stessi, ma ,sopra a tutti, Fabrizio Corona, diventato un idolo, applaudito addirittura con ovazioni quando appare in qualche trasmissione televisiva in cui non risparmia battute pesanti, spesso di dubbio gusto, sentendosi un essere superiore cui non è possibile rivolgere una critica o una opinione sulla sua vita.

Povera Italia e povera gioventù cui la mancanza di riferimenti validi e solidi, in primo luogo della famiglia, rende sempre più incerto il futuro e il raggiungimento di una maturità responsabile.

Il motto più frequente è : “Tutto e subito”, naturalmente con il minimo impegno e, se poi qualche cosa va storto, pazienza!

Sono “incidenti di percorso”, in barba ad un benchè minimo senso di rettitudine e di serietà, mentre si sottovaluta, così, l’importanza di una vita sana, vera e basata su principi e sentimenti positivi.

Che cosa riserverà loro il futuro?

P.S. foto dal messaggero.it