INFORMAZIONE
CULTURALE
Marzo 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7575
Articoli visitati
5054080
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
3 marzo 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

CENTO DOMENICHE, di Antonio Albanese

La tragedia di un uomo per bene
sabato 2 dicembre 2023 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: CINEMA, Film


Segnala l'articolo ad un amico

Presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma 2023 nella sezione Grand Public, Cento Domeniche, di Antonio Albanese, descrive il mondo operaio di provincia, radicato in affetti familiari, amicizia e solidarietà.

Il film racconta la storia di Antonio (Albanese), operaio di un cantiere nautico in prepensionamento, che vive in modo tranquillo: gioca a bocce con gli amici, assiste l’anziana madre, è molto legato a sua figlia, Emilia, benché separato dall’ex moglie con la quale è in buoni rapporti.

Quando Emilia gli comunica che intende sposarsi, Antonio è molto felice di tale notizia e si prepara a regalare alla figlia il ricevimento tanto desiderato, grazie ai suoi risparmi. Pertanto va in banca per prelevarli, ma il direttore gli consiglia invece di fare un prestito con una finanziaria e non disfare le sue azioni: in effetti non si è reso conto di aver rinunciato alle sue obbligazioni sicure per azioni a rischio, su consiglio di qualche impiegato.

Si sa i tempi cambiano e delle banche non ci si può fidare più, nemmeno di quelle che un tempo avevano contribuito allo sviluppo del paesino sul lago di Lecco dove egli è nato e cresciuto. In effetti le brave persone come lui appartengono ad un mondo antico radicato in solidarietà e aiuto reciproco. E poco a poco quel mondo viene sostituito da personaggi squallidi che stritolano gli indifesi, come pensionati, giovani e donne lasciando spazio solo ai pochi potenti. Questo film segna il ritorno di Albanese al cinema d’impronta civile che caratterizza molte sue opere. Il suo obiettivo è senz’altro quello di raccontare un’Italia per bene in via di estinzione, facile preda di alcuni istituti bancari che fanno spostare da una filiale all’altra il personale in modo che non si crei un rapporto di fiducia con il cliente. E alla fine Antonio si ritrova con il senso di colpa per essere stato così ingenuo e non avere letto le clausole scritte in piccolo che gli hanno rubato i risparmi di una vita

“Con la fine delle riprese di "100 domeniche-ha affermato il regista-si conclude un’esperienza umana e professionale che ricorderò per sempre. Un gruppo di lavoro bello e coeso, che ha sposato un progetto condividendone le motivazioni più profonde. Una grande compagnia di attori al servizio di un’idea. Una comunità che conosco bene, essendoci nato e cresciuto, che ci ha regalato un appoggio incondizionato, discreto e felice. Raccontare quella provincia, i suoi sogni, le sue ambizioni, quella straordinaria coesione sociale e umana, è la realizzazione di un sogno che accarezzavo da parecchio tempo”.

A quanto pare Il titolo “Cento domeniche” ricorda una casa che il padre di Albanese aveva costruito in due anni, lavorando di domenica, come lui stesso ha raccontato. Un film molto toccante, a tratti straziante, che denuncia una dura realtà.

Notevole il cast includente non solo Antonio Albanese (protagonista, regista e sceneggiatore insieme a Piero Guerrera), ma anche Liliana Bottone, Bebo Storti, Sandra Ceccarelli, Maurizio Donadoni, Elio De Capitani, Sandra Toffolatti, Martin Chishimba, Alessandro Piavani, Stefano Braschi, Nicola Rignanese, Marianna Folli, Federica Fracassi, Giulia Lazzarini. La fotografia è di Roberto Forza, le musiche sono di Giovanni Sollima

Tra i film di Antonio Albanese ricordiamo Uomo d’acqua dolce (1997), La fame e la sete (1999), Il nostro matrimonio è in crisi (2002), Contromano (2018), I topi - serie TV (2018-2020)

Ecco il trailer del film: https://www.comingsoon.it/film/cent...

Giovanna D’Arbitrio