https://www.traditionrolex.com/30 ROMEO E GIULIETTA AL TEATRO QUIRINO-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7986
Articoli visitati
6158121
Connessi 33

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
23 luglio 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

ROMEO E GIULIETTA AL TEATRO QUIRINO

Fino al 19 Novembre
giovedì 16 novembre 2023 di Roberto Benatti

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Con le parole che seguono Gigi Proietti presentava l’ultima versione del suo Romeo e Giulietta.

“C’è un lato positivo nel tempo che passa: si può guardare indietro, cambiare prospettiva, qualche volta tornare sui propri passi. Nel caso di un testo, il ritorno è una possibilità per rivedere e sviluppare intuizioni e pensieri rimasti inespressi, scartati a favore di altri per mancanza di sintonie, di tempo, di coraggio. Ho amato molto la prima versione di Romeo e Giulietta, e amo molto questo nuovo allestimento, simile ma diverso.

Ho sempre pensato che la festa a casa Capuleti fosse una specie di sliding doors, che attraversata o evitata conduce a storie diverse. Se Romeo decidesse di non andare alla festa? E se tutta la storia fosse solo il sogno di una giovane mente eccitata dall’amore? E se fosse proprio l’amore la chiave che apre le porte del tempo proiettandoci nell’eterna favola dei due innamorati? Da qui sono partito per decidere di collocare la prima parte ai nostri giorni. La festa è un ballo in maschera, che dopo il primo sguardo e la fatidica scintilla si trasforma in un sogno di epoche lontane. Il pubblico si vedrà riflesso nella storia, in un gioco di specchi in cui si raccontano due realtà, due secoli, due mondi.

Così, se nella prima parte gli amici e Mercuzio danno voce alle loro passioni come rapper leggeri e Giulietta è una ragazzina di buona famiglia che canta e suona rock, e tutto è un vortice di energia e di gioia, poi la musica cambia, ci porta in un altro tempo e rigenera il mito. La storia si ripete e il rituale d’amore e odio non va a buon fine, come un rito iniziatico in cui l’eroe non riesce a superare la prova. Nessuno dei giovani oltrepassa il confine della maturità, nessun adulto li sa accompagnare nel viaggio. Si passa dai giochi alla tomba, come in ogni tempo può accadere, in una tristissima favola avvelenata dall’odio, che si trasforma nell’ecatombe di un futuro. Per quanto fresca fosse la precedente compagine di attori, questa volta la scelta è stata di cercare interpreti ancora più giovani, a sottolineare la spaccatura fra generazioni.

O forse l’età degli interpreti è la stessa, ma è la mia prospettiva che sta cambiando e guardo questa compagnia con l’affetto che ho sempre avuto per i miei allievi e per tutti i colleghi più giovani con i quali ho condiviso il mio lavoro”.

Il messaggio principale che William Shakespeare cerca di trasmettere in Romeo e Giulietta riguarda l’amore e il destino. La tragedia si concentra sulla storia d’amore proibito tra Romeo Montecchi e Giulietta Capuleti, appartenenti a due famiglie rivali. Nonostante gli ostacoli e le circostanze avverse, Romeo e Giulietta si innamorano profondamente e cercano di superare le barriere che li separano.

Shakespeare sottolinea l’intensità e la passione dell’amore giovanile, ma allo stesso tempo mette in evidenza le conseguenze tragiche che possono derivare dalla mancanza di saggezza e dalla precipitazione delle azioni. La loro frettolosa decisione di sposarsi segretamente e le azioni violente che seguono portano alla morte di entrambi i protagonisti e, infine, a una sorta di riconciliazione tra le due famiglie.

Il dramma mette in discussione anche il potere del destino e del destino inevitabile. Nonostante gli sforzi dei giovani amanti per cambiare le circostanze e sfuggire alla loro tragica fine, sembra che il destino sia contro di loro. Shakespeare suggerisce che le forze più grandi dell’universo possono influenzare la vita umana e che gli individui sono spesso impotenti di fronte a tali forze.

Oltre a ciò, Shakespeare esplora anche temi come la gioventù, l’impulsività, il conflitto generazionale e il potere distruttivo dell’odio e della rivalità familiare. Nel complesso, il messaggio di Romeo e Giulietta è un monito sulla fragilità dell’amore e della vita umana, sulla necessità di saggezza e riflessione nelle decisioni importanti e sull’ineluttabilità del destino. Nell’amore, il potere della redenzione può superare la tragedia. Venite, partecipate alla bellezza del teatro, testimoni della rinascita di Romeo e Giulietta, e scoprite il destino riscritto www.teatroquirino.it

note stampa

ROMEO E GIULIETTA di William Shakespeare traduzione Angelo Dallagiacoma

Regista assistente Loredana Scaramella costumi Maria Filippi scene Fabiana Di Marco movimenti di scena Alberto Ballandi contributi musicali Roberto Giglio assistente alla regia Francesca Visicaro direttore tecnico Stefano Cianfichi disegno luci Umile Vainieri progetto fonico Daniele Patriarca

regia di GIGI PROIETTI

personaggi e interpreti

Giulietta/ Mimosa Campironi Donna Capuleti/ Antonella Civale Padre Capuleti / Martino Duane Mercuzio / Diego Facciotti Paride / Sebastian Gimelli Morosini Frate Lorenzo / Massimiliano Giovanetti Padre Montecchi / Roberto Mantovani Tebaldo - Speziale / Matteo Milani Balia / Loredana Piedimonte Principe / Raffaele Proietti Benvolio / Federico Tolardo Romeo / Matteo Vignati Gregorio, Clown/ Nicola Adobati Sansone/ Cristiano Arsì Guardia Principe, Servitore Capuleti/ Matteo Esposito Baldassarre/ Giacomo Faccini Antonio/ Luca Giacomini Donna Montecchi/ Valeria Palma Pentola/ Gianluca Passarelli Paggio Mercuzio/ Claudio Righini Guardia Principe Pietro/ Simone Ruggiero Abramo Frate Giovanni/ Matteo Sangalli Sarta, Dama/ Francesca Visicaro

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30