https://www.traditionrolex.com/30 VAN GOGH AL NEXT MUSEUM DAL 4 NOVEMBRE AL 31 MARZO 2024-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Giugno 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7893
Articoli visitati
5874295
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
19 giugno 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

VAN GOGH AL NEXT MUSEUM DAL 4 NOVEMBRE AL 31 MARZO 2024

APRE IL NUOVO SPAZIO MULTIMEDIALE, IMMERSIVO E TECNOLOGICO
domenica 5 novembre 2023 di Patrizia Cantatore

Argomenti: Mostre, musei, arch.


Segnala l'articolo ad un amico

Negli spazi dell’ex Cinema Avila in Corso d’Italia 37/d, a pochi passi da Villa Borghese, ha aperto il Next Museum un progetto di intrattenimento educativo dell’arte di Next Exibition, inaugurando al contempo la mostra multimediale Van Gogh Experience dal 4 novembre 2023 al 31 marzo 2024.

L’evento è una produzione internazionale di Next Exibition in collaborazione con l’Associazione Culturale Dreams e con il patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Roma.

La mostra è un’esperienza multisensoriale sull’arte, sulla storia e sulla società, le sale offrono tecnologie come videomapping, immagini 3D, visori di realtà virtuale con le quali la cultura diventa un’esperienza unica, emozionante e soprattutto accessibile a tutta la famiglia e a tutte le età. Quella su Van Gogh è un vero e proprio viaggio nella vita dell’artista, nel suo mondo, nei luoghi che ha visitato e ritratto, dalla città dell’Aja a Londra, da Amsterdam a Bruxelles, da Anversa a Parigi e infine ad Arles in Provenza. Le opere sono state riprodotte in realtà virtuale e sono le più iconiche di Van Gogh, da La notte stellata ai Girasoli, da Notte stellata sul Rodano, all’Autoritratto, da I mangiatori di patate a Campo di grano con corvi e poi la Camera da letto ad Arles.

Le immagini scorrono in loop in una superficie di circa 300 mq sulle pareti, sul pavimento e il soffitto, per entrare dentro l’opera d’arte, farla vivere, muovere come se prendesse vita, assaporandone la poesia sottolineata dall’accompagnamento musicale che va da Mozart, a Chopin, da Verdi a Bach, da Strauss a Beethoven e Schubert in un cambio delle immagini e delle emozioni, dei colori che appaiono attraverso dissolvenze incrociate, nuvole immaginarie che puliscono la parete dai colori precedenti e la preparano ai successivi in un crescendo continuo.

Nel corso del tempo, questa esperienza potrà essere accompagnata da musica dal vivo, da concerti che intervallano le immagini o le accompagnano, in una concezione del museo centro pulsante di cultura e incontro. Qui, a differenza di ciò che accade nelle esposizioni, si invita il pubblico a fotografare, a condividere sui social, utilizzando i canali ufficiali www.facebook.com/nextmuseum e www.instagram.com/nextmuseum anche utilizzando tre scenari ricostruiti dal vero e ideali per scattare selfie: il campo di grano, i girasoli e la camera di Van Gogh.

Dopo tutta questa immersione di immagini non poteva mancare la passeggiata (facoltativa e con biglietto accessorio) in virtual reality con l’oculus, ovvero un visore per la realtà virtuale di ultima generazione, per vedere i quadri e i colori come passeggiandoci dentro, così come li vedeva Vincent, il quale ci accompagnerà in questa passeggiata, intensa ed emozionante nei paesaggi delle sue opere più familiari e ad impatto visivo.

Non manca poi, un’area interattiva didattica per grandi e piccini, dove poter dar libero sfogo alla creatività.

Una esperienza da provare, anche per i più scettici.

INFO: www.nextmuseum.net

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30