https://www.traditionrolex.com/30 QUANDO IL FASCISMO E LE SUE IDEE RESTANO NEL DNA, ANCHE SE INCONSCIAMENTE -Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7993
Articoli visitati
6171083
Connessi 29

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
25 luglio 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

QUANDO IL FASCISMO E LE SUE IDEE RESTANO NEL DNA, ANCHE SE INCONSCIAMENTE


venerdì 20 ottobre 2023 di A.Profili

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

Il nuovo governo continua a negare qualsiasi rapporto o nostalgia con le teorie del fascismo che penetrarono profondamente nel nostro Paese determinando ogni aspetto della vita e del pensiero del popolo italiano.

Certi principi, certi convincimenti si tramandano e si ereditano inconsciamente e anche se spesso vengono negati e rifiutati con fermezza, restano subdolamente nella mente condizionando, così, azioni e decisioni.

Qualche esempio?

La sfilata di bambini con bandierine alla riunione di Fratelli d’Italia a Piazza del Popolo, il rifiuto o quasi, di comunicare con la stampa, l’accaparramento della rete nazionale ed il dominio sulle reti Mediaset, il respingimento di immigrati, la creazione di strutture a pagamento, il falso perbenismo ostentato in ogni occasione, la nomina di amici e parenti stretti nel governo e nell’amministrazione, la messa in mostra di cartellini di sconto per alcuni prodotti ai supermercati con i colori della bandiera italiana e…potrei continuare ancora, senza dimenticare la mancata richiesta di approvazione al Parlamento della legge di bilancio, il rifiuto di emendamenti e così via….

Infine, i continui viaggi in Africa della nostra Premier (finora senza alcun successo) e il presunto e presuntuoso paragone con il piano Mattei (che era molto diverso e complesso) che, per mesi, ha rappresentato il primo obiettivo del governo, mentre l’economia italiana andava e va a pezzi, era ed è una fantastica illusione che ignora le condizioni dei lager tunisini in cui sono costretti migliaia di emigranti e che sembra riportare alla luce, le colonie d’Africa mussoliniane di un tempo che non furono solo “rose e fiori”, ma provocarono sfruttamento, morti e prigionieri…

Forse sono solo fantasie, ma, si spera che, data la prorompente e continua trasformazione del mondo negli anni e nei secoli, non si vogliano riesumare errori e teorie del passato che provocarono guerre, drammi e disordini indimenticabili, mentre il nostro Paese deve ogni giorno lottare per sopravvivere e che avrebbe bisogno, invece, di nuove idee che accomunino e non dividano opposti pareri in nome di una pace che, attualmente, sembra impossibile.

Foto logo dal Messaggero

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30