https://www.traditionrolex.com/30 DOMANI È UN ALTRO GIORNO-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7986
Articoli visitati
6162450
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
23 luglio 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

DOMANI È UN ALTRO GIORNO

Donne tra Insoddisfazioni e grande bouffe
sabato 8 luglio 2023 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

È stata mia sorella Luisa che mi ha fatto ricordare la famosa frase “domani è un altro giorno”, pronunciata da Rossella O’ Hara in “Via col vento”. Benché abbia tanti problemi, mia sorella coraggiosamente va avanti e mi ripete tale frase aggiungendo la parla “coraggio!”.

E come ogni estate ho notato che perfino in spiaggia, sotto gli ombrelloni, le donne s’incontrano e si dispongono in cerchio e tra loro scatta una sorta di magia che le avvolge inducendole a confessioni e confidenze, sfoghi spontanei e confronti, storie di vite quotidiane e ricordi.

Quando si arriva ad una certa età, oltre ai fatti quotidiani vengono fuori in effetti tanti ricordi e, mettendo insieme gli uni con gli altri, ne scaturisce il ritratto di un periodo storico tutto al femminile dagli anni ’60 ad oggi, un periodo ricco di lotte in famiglia e nel lavoro per guadagnarsi un po’ di spazio vitale, un po’ di rispetto e dignità.

Mi è venuta in mente un’immagine emblematica, spesso sfruttata in molti film, in cui si vede una donna davanti ad un frigo carico di cibo che ella ingurgita per colmare il vuoto di qualche delusione, di qualche insoddisfazione…In effetti una caratteristica comune di molte donne è il difficile rapporto con il cibo, amato e odiato, usato nei momenti difficili per compensare “l’amaro in bocca” delle delusioni, delle umiliazioni, della mancanza di gratitudine per il nostro quotidiano impegno e i costanti amorevoli sacrifici, mai considerati nella giusta luce sia in famiglia che sul lavoro, mai degni di nota in quanto per secoli considerati “doveri” solo femminili.

Purtroppo il cibo dà solo un sollievo temporaneo e poi dopo “l’abbuffata” ci si preoccupa della linea e ci si sente in colpa per aver esagerato nelle quantità. Difficile rapporto davvero quello tra donne e cibo! E qui non vogliamo certo parlare di fenomeni drammaticamente in aumento, come bulimia e anoressia, più presenti nel mondo femminile che in quello maschile. Sarebbe un discorso troppo lungo da affrontare e per lo stesso motivo qui non ci sentiamo di trattare il tema delle crescenti violenze sulle donne. Malgrado le quote rosa guadagnate in politica, la condizione femminile non ha fatto grandi passi sul pianeta Terra.

Vogliamo soffermarci invece su queste forme di “compensazione” ritenute spesso meno importanti e pericolose, eppure sempre più indicative di un disagio psicologico comune alle donne di tutte le età: c’è chi si fionda su dolci e cioccolatini e ne mangia in quantità pantagrueliche finché non si sente più calma, c’è chi invece preferisce cibi salati e saporiti, chi ricorre a qualche bicchiere di brandy. Anche la sottoscritta confessa che in certi momenti, i gelati sono stati una vera ancora di salvezza…E così tra un dolce e un gelato, penso alle frasi di tante donne udite durante la mia vita: mi giungono da lontano come un’eco che risuona nella mente e nell’anima. Tante frasi di povere donne che fanno venire in mente i film di Bergman (regista molto sensibile alle problematiche femminili), come “Sussurri e grida”, “Scene da un matrimonio”, “Sinfonia d’ autunno” e tanti altri.

Eccone alcune, ma potremmo continuare a scrivere per ore: “Quando mi sento triste e poco amata, mi sale un forte sapore amaro su dalla gola fino alla bocca e devo mangiare subito qualcosa di buono…-Ho aiutato tanto mio marito nel suo lavoro quando ero giovane e affascinante, ora non mi ama più…Non riesco ad avere figli… Io invece devo abortire.. Che gioia, sono incinta!.. Sono malata, ho un tumore…Ho lavorato sempre con impegno, perché mi licenziano?...Ho avuto fiducia, l’ho sposato, ero giovane, colta, bella, ora sono diventata “insopportabile” secondo lui…Ho sgobbato in famiglia e fuori, adesso sono diventata “invisibile”…Mi sento come un orologio, si accorgono che esisto solo quando non funziono… E’ scortese e villano con me, ma è gentile con tutte le altre donne, perfino con le colf…Ho scoperto un messaggio sul cellulare, forse mi tradisce… Chiederò il divorzio… Mio figlio è all’estero, non è giusto…Mia figlia è sempre nervosa, aggressiva , mi sembra di averla perduta…Che hanno questi figli? Non hanno più sicurezze, stanno rubando il loro futuro. Quanta fatica per farli crescere, per educarli, aiutarli a studiare, curarli, ascoltarli… Mia madre è caduta, ha un femore rotto -Tocca sempre alle donne pensare agli anziani…Sono in pensione, che faccio adesso? Mi mancano tanto i miei alunni…Mio marito sta male, è un brav’uomo, morirà? Mio Dio, come farò da sola?...Finalmente una buona notizia, mia figlia si sposa - Anche mio figlio forse…E’ nato un bambino!... Mia figlia è di nuovo incinta, speriamo che sia femmina…Quanti matrimoni quest’anno…Guardate, sotto gli ombrelloni ora ci sono tanti figli e nipoti…Quante bambine!...La vita continua….

Sì, la vita continua, coraggio donne, domani è un altro giorno, disse Rossella O Hara .

JPEG - 15.1 Kb
Frase di Rossella O’Hara
 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30